Passa ai contenuti principali

Badges Generazioni Libere


Badges Generazioni libere - Le autorità non impongono fanno crescere

Badges apprendimento menti libere


La tecnologia come sostegno alla didattica

La didattica è cambiata, con l’avvento di internet e la creazione di servizi, dedicati alla formazione e alla diffusione della cultura. Esistono varietà di servizi educativi e non educativi, che possono essere utilizzati nella didattica formale ed informale. Nel settore educativo, la tecnologia svolge un ruolo importantissimo ed ha introdotto un'interattività senza precedenti. La tecnologia, nella didattica trasforma le lezioni in avventure interattive.
L’alunno, diventa partecipe in prima persona, della sua formazione, propone soluzioni alternative ed inventa una nuova prospettiva formativa. L’insegnante, assume un ruolo da accompagnatore, all’apprendimento, mentre il  costruttore effettivo risulta l’alunno.
Il concetto di apprendimento, si é evoluta nel tempo, occupando sempre un maggiore spazio nell’intero percorso di vita delle persone.
Nella didattica odierna, il rapporto fra alunno ed insegnante é cambiato radicalmente, diventando bidirezionale ed equo.

La figura del bambino ha acquistato la giusta importanza. Non esistono ruoli ben definiti, gli insegnanti imparano dai propri studenti e gli alunni accrescono la loro autonomia con la guida dell'insegnante.

L’assenza di un’autorità forte, rafforza il rapporto fra studente e docente. Stranamente, il risultato che ne consegue é un maggiore rispetto dell’autorità. Riaffermando, l’umanità e il dialogo, si garantisce un maggiore rispetto delle regole.

Regole giuste, che mettono sullo stesso piano tutti e favoriscono il dialogo fra generazioni differenti. Generazioni diverse, che imparano le une dalle altre. Spinte dalla libertà, di creare un nuovo modello comunicativo. Insegnanti connessi, che twittano argomenti di discussione con i propri allievi, usano moodle per creare lezioni interattive e distribuiscono materiale sotto licenze aperte. L’autogestione e l’autoproduzione creano i presupposti per una cultura condivisa. Una cultura creata dai ragazzi per i ragazzi. Un senso di benessere riempie le menti delle nuove generazioni o nativi digitali.


Curiosità e divulgazione sono sempre piu connessi con il mondo digitale, i social assumono un ruolo nel percorso della scoperta, mentre wikipedia in quello dell’approfondimento.

Si creano nuove classi di scolari, che cercano di essere piu attivi nelle scelte didattiche. Nozioni proprie, soluzioni insolite e sensazioni di sintonia aleggiano nell’aria. Una scuola di vita, dove c’ę un inizio certo ma non una fine, tutto diventa musica e i ragazzi si trasformano in musicisti del loro destino.

Inizia la creazione delle giovani menti. Inizia il loro canto, nuove menti crescono e mutano:

"iniziano piano piano, poi un acuto, un fischio assordante e poi una musica armonica riempie le stanze. Pause cariche di un silenzio vigile, ogni attimo viene ascoltato con la propria testa, viene capito, percepito, assaporato e condiviso. Una storia senza fine, senza vuoti, senza rabbia ma carica di tante emozioni che cambiano in base all’uditore. Tutto si trasforma, ma nulla cambia, sembra un atmosfera febbrile , torpore, dolore , rivalsa e poi sana considerazione. Muri si abbattono e nuove speranze crescono. Un solo battito e poi tutto ricomincia. .. "

Una nuova generazione nasce...I pensatori del domani esistono, nulla li puo fermare, sono anime libere piene di tanto amore. Un augurio alle nuove menti pensanti...Grazie di essere nate



Ricevi il badges, per festeggiare la nascita delle giovani menti. Per ottenerlo, basta scrivere nei commenti, condividi il badges propositivo per le nuove generazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen