Passa ai contenuti principali

Badges libro le parole sono finestre oppure muri

Openbadges le parole sono finestre oppure muri


Badges comunicazione non violenta, per chiunque voglia condividere, la passione per il libro: le parole sono finestre oppure muri.

Il libro le parole sono finestre oppure muri, scritto da Marshall Rosenberg, narra un nuovo linguaggio di comunicazione fra le persone.  Il testo può considerarsi un libro,utile alla diffusione di una comunicazione empatica.
Le parole sono fineste oppure muri, vede il suo traguardo finale, nella diffusione di una maggiore consapevolezza fra le persone. Invogliando i lettori, nel ricercare nella propria comunicazione, la non violenza e l'empatia, per  creare legami senza pretese ed obblighi.

Una comunicazione basata sulla trasparenza dei propri bisogni. Bisogni primari uguali per tutte le persone. Se comunichiamo, rispettando la natura e i nostri bisogni reali, non ci saranno problemi. Ma prima di tutto, dovremmo conoscerci meglio, per capire, quali sono i nostri bisogni reali.


Perché la comunicazione empatica può cambiare il mondo?

L'empatia é una capacità umana, che permette di comprendere i sentimenti degli altri. Mettendosi nei panni delle persone, i pregiudizi e i giudizi vengono meno.
Lo psicologo Marshall, anima il linguaggio, donandogli un'anima, trasformandolo in linguaggio giraffa.
Una comunicazione giraffa, che cerca di contenere i danni di una comunicazione sciacallo. Lo psicologo statunitense, Marshall Rosenberg, mostra in video interattivi, tramite l'uso di marionette sciacallo e giraffa , le differenze fra linguaggio empatico e quello comune.

Quale sono le difficolta nell'utilizzo del linguaggio giraffa?


Le difficoltà sono riscontrabili , quando dobbiamo tradurre tramite le orecchie giraffa, la comunicazione comune. Quando comunichiamo, risulta facile, fallo con chi usa un linguaggio privo di giudizi e pregiudizi.

Ma cosa succede, quando la persona con cui ti relazioni, condanna o accusa i comportamenti altrui?


Qui, iniziano le vere difficoltà nell'uso del linguaggio.

Come affrontare queste difficoltà?

Prima di tutto, respira profondamente, inspira ed espira.  Chiudi gli occhi e pensa che non sei tu il problema. Chi ti sta accusando, lo fa perché non ha soddisfatto un suo bisogno.


Cosa fare per non essere travolti dal linguaggio sciacallo?

Sii consapevole, che il linguaggio che usate é diverso, usa un traduttore, se non vuoi essere travolto, nella spirale del linguaggio sciacallo.
Cerca di  tradurre il messaggio accusatorio,  in bisogni insoddisfatti del tuo interlocutore.
Questo passaggio risulta complicato , perché chi viene attaccato, anche verbalmemte tende a proteggersi.

Nel libro viene spiegato dettagliatamente questo passaggio, se vi interessa posso scrivere un post, che tratta come tradurre il linguaggio sciacallo in giraffa.

 Mettendo le orecchie giraffa 


Ovvio, che spesso risulta difficilissimo, mettersi nei panni di chi non riconosce i propri sbagli, ma forse neanche comprendono l'errore, che stanno facendo.

Le parole sono finestre oppure muri non è un testo per una semplice lettura, ma necessita sempre di una rilettura per adattare i contenuti alla realtà.

Ricevi il badges, condividilo con i tuoi amici sui social. Le parole sono opportunità, possono cambiare il mondo. Scrivi nei commenti per ottenere il badges.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen