Passa ai contenuti principali

I fumetti facilitatori dell'apprendimento: Badges I love comics

Badges I love Comics
Badges comics

Apprendere può essere divertente oppure noioso e poco stimolante.
Come rendere l'apprendimento dinamico senza il supporto tecnologico?


Con i fumetti, creandoli e rendendoli didattici.
La materia di studio é matematica ? Bene creiamo il nostro comics: la matematica fa
anche ridere, oppure la matematica non sono solo numeri.


Usiamo la fantasia, per creare un modello personalizzato, dove i bambini si sentono coinvolti in prima persona.
Con i bambini piccoli, usiamo le figure dei loro cartoni preferiti.

Per scoprirlo?
Facile no, lo domandiamo ai bambini. Creiamo un sondaggio, con la domanda:
Quali sono i vostri cartoni preferiti? L'unica regola, massimo cinque risposte per ogni bambino. Il sondaggio sarà scritto e poi la maestra assieme alla classe,  sceglieranno i cartoni che hanno avuti più voti.
Scrivendoli sulla lavagna.

Lupin 3 bimbi
Simpson 5 bimbi
Futurama 7 bimbi
Pokemon 20 bimbi

Il primo comics sarà sui pokemon.
Chi vuole lamentarsi, per la scelta del cartone, può scrivere una lettera di reclamo. Diretta alla maestra, con la spiegazione del suo reclamo, argomentato con tutti i punti salienti.
Le lettere di reclamo, possono essere scritte, non oltre una settimana dalla scelta.
Disbrigata questa pratica, si inizia a lavorare sul serio.

Una volta fatto ciò, dedichiamoci alla creazione del comics o fumetto.
Dividiamo i compiti, quelli che l'insegnante dovrà svolgere a casa e quelli dei bambini.
I bambini, verranno informati, su tutto il processo, per la realizzazione del comics.



Compiti della maestra:
1)Stampare i disegni da internet
2)Ritagliarli oppure farli ritagliare ai bambini
3)Creare la storia di base, ciò la lezione.
Personalizzandola e creando anche frasi scherzose.

Compiti dei bambini
1)Inserire i disegni, ritagliarli sul quadernone, incollarli, colorarli e scrivere le didascalie.
Le didascalie costituiranno la lezione, quindi saranno dettate dalla maestra.
I nomi dei personaggi, i colori saranno scelti dagli alunni.

Quali sono gli aspetti positivi?
1)I bambini apprendono l'importanza di autoprodurre.
2)Si rendono più partecipi nel processo formativo.
3)Saranno soddisfatti del loro lavoro, perché lo hanno creato loro.

Passo importante, condividere il lavoro con gli altri.

Come procedere?
Scegliere dove condividerlo, io opterei sia in sede che online.
Usando questi tipi di condivisione:

Condivisione del materiale in aree dedite allo studio. Creando un fumetto per la biblioteca del paese.

Condivisione del fumetto online, maggiore diffusione.
Facendo le screen del fumetto e rilasciandolo sotto licenza aperta, sulle piattaforme gratuite.

Ecco un esempio di fumetto didattico:

Comics creative commons

La cosa più importante é coinvolgerli in prima persona. Altrimenti brava la maestra, ma gli alunni rimarranno ignari di quasi tutto il processo formativo.

Considerazioni:

I bambini sono il futuro del mondo, aiutiamoli, diventeranno grandi e se non vengono guidati, da chi svolge la funzione di educatore.
Da chi o che cosa verranno guidati?





Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Lim collegate allo smartphone: Lezioni multimediali

L'uso della lim ha cambiato l'insegnamento, rendendolo più collaborativo ed interattivo. 
Queste lavagne permettono l'approfondimento di tanti argomenti, visionando risorse disponibili sul web.
Le lim si possono collegare sia con il pc che allo smartphone. Oggi, mi piacerebbe legarlo allo smartphone.

Come si possono collegare?
Le lim possono essere collegate tramite appositi dispositivi, come google cast o altri device più economici al proprio smartphone.
Questa sarebbe la soluzione più tranquilla per accedere ai contenuti del proprio smartphone con la Lim.
In questa maniera si possono creare lezioni con le applicazioni installate sul telefonino.

Per chi vuole smanettare, esiste una via più economica ma un po più insidiosa.
Come procedere?
Scaricando l'applicazione teamviewer quicksupport sul proprio smartphone.
Si può scaricare la versione per android da google play store. Ecco il link
Una volta scaricata procediamo con l'installazione e con il collegare i disposit…

Scaricare libri gratuiti da usare nell'apprendimento

L'educazione si basa sulla condivisione e sulla promozione del benessere.  Non possiamo parlare di promozione e di condivisione, senza prendere in considerazione i libri.  I libri fanno parte della formazione e dell'apprendimento e di conseguenza condizionano l'educazione dell'alunno. 

Anche se per un discorso puramente pedagogico, il ruolo dell'educazione spetta alla famiglia.
Spero che le scuole sentano il peso della responsabilità che hanno sulle spalle. Per questo dovrebbero garantire l'apertura delle risorse ai propri studenti e docenti. La scuola dovrebbe accogliere ed aiutare lo sviluppo dei propri alunni e la continua formazione dei propri docenti. Non si può bloccare ed impedire la crescita degli alunni, solo per un impedimento tecnico.
Visto che i libri, vengono usati come strumento per diffondere il sapere, si dovrebbe garantire ai propri studenti l'accesso gratuito. Mentre aspettiamo iniziative a sostegno della diffusione di libri gratuiti per …