Passa ai contenuti principali

Alternative newsletter: Strategia seo con openbadges creare backlink e newsbadges

Le strategie seo con il sistema openbadges.


Gli openbadges sono usati nella formazione, nell'apprendimento e nella gamification.
I distintivi sono veicoli di conoscenza, di informazioni e di competenze.

Allora ho pensato:
Perché non usarli nelle strategie seo?

Gli openbadges possono essere usati nella condivisione dell'informazione.
I distintivi digitali sono un formato libero, aperto e condivisibile da tutti.
Sono strumenti e come tali, si trasformano in quello di cui necessitiamo.
Per questo ho scelto di usarli nella pratica seo. Oggi vi propongo una strategia seo, che ancora sto testando, quindi ci saranno ulteriori articoli. Work in progess....


Con quale piattaforme sto testando la strategia seo con gli openbadges?

Le piattaforme che uso per creare gli openbadges sono tre. Ho scelto queste piattaforme perché hanno integrato un piano free per gli utenti.
La prima credly, la seconda badgr e la terza openbadges.me.

Sto provando la strategia seo, sia su credly che su badgr. Oggi parleremo maggiormente di credly.

In che cosa consiste questa strategia?
Il punto centrale della strategia é l'interazione e la diffusione dei link.
Ogni openbadges é dotato di un immagine, che lo rende più condivisibile dagli utenti. L'openbadges può contenere l'informazione, che vogliamo trasmettere ai nostri utenti. Trasformandola in personalizzata, personale ed interattiva.
L'informazione é nominativa, poiché contiene il nome e l'indirizzo mail associato. L'informazione diventa interattiva perché si può inviare facilmente e condividere. Personalizzata perché può contenere file accessori, dove inserire altre risorse.

Concepire la seo usando gli openbadges, significa sintetizzare, veicolare l'informazione, senza perdere l'aspetto umano, poiché ogni badges é personale.
Usare la seo con gli openbadges, significa collezionare i propri interessi e creare la propria mappa delle informazioni importanti.
Può essere un ottima soluzione da integrare nelle newsletter, oppure per la creazione di un nuovo modello chiamato newsbadges.


Ora immaginatevi di creare degli openbadges per i vostri articoli.
Chi ha già letto qualche articolo sugli openbadges, già conoscerà la sua struttura.
L'openbadges é formato da un img, un titolo, una descrizione, un criteria, con la possibilità di inserire link.


Nel contesto seo, l'openbadges conterrà i dati seo, inseriti nel processo di creazione.

Esempio struttura badges seo
Un immagine rimpicciolita del vostro post, un titolo con il nome della newsletter, una descrizione dell'articolo con i tag associati.
Con la possibilità di aggiungere link sia nel criteria e nella descrizione.

Questo é un esempio dell'openbadges contenente un solo link nella description:
Questa la struttura dell' openbadges per la strategia seo.


Perché integrarla nella propria web informazione?
Per creare gamificazione sul vostro sito. Google indicizza la pagina utente di credly, le pagini che mostrano i badges guadagnati e quelli inviati agli utenti.
Non viene indicizzata la pagina con tutti i badges creati.
Ogni openbadges presenterà la sua pagina associata ai tag scelti. In questa maniera anche gli utenti di credly possono visionare la pagina del badges, contenente il vostro articolo o newsletter.
Gli openbadges una volta inviati ai propri utenti, possono essere condivisi sui social, embeddati sui blog e siti.
Insomma possono realmente propagarsi facilmente.
Un utente che condivide sui social il vostro badges, condividerà  a sua volta la vostra newsletter e i link agli articoli.

L'utente che visiona il badges, potrà scegliere se condividerlo o guadagnarlo.

Cosa cambia a livello seo l'uso della strategia openbadges?
Effettivamente di nuovo non c'é molto a livello seo. Cambia il modo di concepire l'informazione e di condividerla. L'informazione diventa più smart, viene veicolata sui social e condivisa mostrando un immagine e i tag associati. L'informazione diventa l'immagine quando viene condivisa. La sua diffusione sfrutta il potere della gamificazione e dell'immagini. Ogni newsbadge può essere visionato da persone che non sono iscritte alla newsletter.
Ogni pagina del badges, contiene le informazioni della newsletter o l'articolo. Aggiungendo i tag, gli utenti di credly possono trovare il vostro badges, di conseguenza anche il link al vostro articolo.
Si tratta di una newsletter disponibile a tutti.

Vi starete chiedendo perché iscriversi?

Ecco alcuni motivi:

1)Se l'informazione é valida, sicuramente gli utenti vorranno essere aggiornati. Per ricevere le notizie in tempo reale.

2) Nella piattaforma di credly c'é la possibilità di aggiungere un evidence, cioé un terzo link, che può contenere un formato pdf,odt o un link normale.
Questo dà la possibilità di decidere di mese in mese, se inserire un gift tipo: ebook, all'interno del badges.
Con gli openbadges si possono effettuare proprio giochi che richiamano la gamificazione. Chi condivide maggiormente o fa condividere, riceve il file evidence in regalo assieme al badges. In questa maniera diventa un'informazione interattiva.

3) Si possono condividere sul backpack di mozilla. Gli utenti possono crearsi le proprie collezione, da poter mostrare.

4) Vengono indicizzate anche dal motore ricerca immagini, poiché sono anche foto, con l'aggiunta di dati informativi. Se un utente condivide l'openbadges su linkedin. Questo openbadges, può essere indicizzato anche, sul motore di ricerca immagini, con i tag di ricerca associati.


Quale può essere un deterrente nell'uso dell'open badges nella strategia seo?

Il sistema pensato con gli openbadges necessita dell'invio manuale.
La newsletter é automatica mentre il sistema openbadges no. 
Questo é un punto dolente, se avete tanti iscritti e volete un servizio che vi permetti l'inoltro in automatico.
Se invece decidete di usare il newsbadges sono facili da inviarli, basta solo possedere un indirizzo mail dell'utente.




Lato negativo
Non sono automatici. Si inviano inserendo la mail manualmente.

Lati positivi:
Facile da condividere ovunque.
Si possono aggiungere file aggiuntivi, sono belli da vedere e collezionare.


Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen