Passa ai contenuti principali

Autostima - I dubbi e gli ambienti negativi abbassano la propria stima

L'autostima é la base dove si genera la forza di volonta utile al raggiungimento degli obiettivi.

Avete una bassa autostima? Sicuramente troverete difficile raggiungere degli obiettivi, soprattutto quelli a lungo termine.
Le emozioni sono fluttuanti, quindi spesso cambieranno. L'autostima é molto utile perché permette all'individuo di riconoscere le proprie qualità e capacità. Insomma la persona diventa consapevole di ciò che raggiunge e delle proprie qualità.

Io per adesso, sto affrontando un percorso per accrescere la mia autostima.

Perché da piccola non ho avuto una base sicura, che mi abbia permesso di credere nelle mie capacità. Spesso ascoltavo parole autosvalutanti. Questa situazione ha messo in dubbio me stessa. 


Per questo voglio parlarne, perché é importante condividere i propri problemi e le proprie difficoltà, senza vergognarsene.

Voglio credere maggiormente in me stessa, cercherò di dare meno peso alle persone che criticano, solo per il gusto di criticare.

Però cercherò di discernere le critiche utili alla crescita e quelle no.
Perché anche nella critica,  se costruttiva si possono trovare diversi spunti per migliorare la propria autostima.
In pratica, se per un istante chiudessimo gli occhi potremmo vedere la differenza fra la critica penalizzante e critica costruttiva.

La prima critica attiva solo la parte sentimentale del nostro cervello.
Queste critiche creano delle ferite emotive molto profonde, soprattutto se ascoltate in tenera età.
Ecco alcuni esempi di critiche che non portano nulla di buono:

1)Ti devo fare capire
2)Non ragioni
3)Non riesci a crearti amicizie
4)Sei rovinata senza di me nessuno ti vuole 
5)Oppure fare credere che gli altri non ti amano.


Chi ascolta si arrabbia solamente, non arriva la vocina che ti dice, forse ha ragione. Si attiva la vocina sofferente che ti dice, non é vero. Chi possiede una buona autostima, riesce tranquillamente a farla scivolare. Chi invece possiede una bassa autostima, fa finta di farsela scivolare ma rimane li.

É nettamente differente la critica costruttiva.

La critica costruttiva attiva sempre la parte emozionale, e diciamolo non viene vista bene in un primo momento. 
(Soprattutto per chi presenta ferite di umiliazione.)
Poi si attiva la parte razionale, che riflettendo dice, ma sai che forse non ha torto? Quando si capisce che la critica é per il bene, anche la parte emozionale si calma.

Un esempio di critica costruttiva:
Io penso che il tuo lavoro abbia bisogno di qualche modifica per migliorarsi. L'altro giorno ho usato questo programma, che mi ha aiutato molto e mi ha permesso di realizzare un lavoro di buona qualità. Se vuoi te lo mostro, sei d'accordo?

Insomma la critica, oltre al dire quello che non va, dovrebbe considerare anche l'aspetto soggettivo e dare la possibilità di un miglioramento. 


Se per esempio dico:
"Non spendere soldi"e poi io che critico ne spendo di più.
La critica é fine a se stessa.
Prima chi sta criticando usa termini autoritari ed inoltre risulta anche incogruente.

Se invece dico:
"Mi sento spaventata perché stai spendendo tanti soldi ultimamente."

Questa é tutta un'altra storia. Perché in primis non giudica, sta soltando osservando che in questo periodo spendi tanto e poi lo lega al suo sentire. Questo per me si chiama amore verso la persona.

Un'altra frase affine o simile potrebbe essere:
Mi sento triste perché avrei bisogno che considerassi maggiormente i miei sforzi.

Queste sono parole che mettono in risalto il malessere, di chi sta criticando. 
Sarebbe opportuno che continuasse, chi sta esponendo una contrarietà, specificando alla persona criticata cosa fare.

Importante:
Da considerare la possibilità di scelta di chi viene criticato. Altrimenti dalla critica passiamo all'imposizione.

Le critiche possono aiutarci nella nostra crescita personale. Ovvio solo quelle costruttive. Chi invece vuole sputare sentenze meglio tenerlo a distanza. Le disapprovazioni, le critiche mosse per farti sentire il vero problema, quelle puramente svalutative, incoerenti non servono alla crescita, ma solo alla decrescita. Queste critiche mettono in dubbio le capacità personali, queste non sono per nulla importanti.



Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen