Passa ai contenuti principali

La comunità intervista Lara domandandole: Chi é Lara?

Lara non le piace parlare di sé, però considera questa una giusta causa per umanizzare, la disoccupazione. Troppi numeri e poche emozioni..


Gli uomini sono mossi dalle emozioni, questo é il motivo perché siamo fermi. Siamo censurati nel vivere, riconoscere e capire i bisogni dietro, l'emozione provata. Tutte le persone sono condizionate dai loro bisogni e li sta la chiave per capire come risolvere i problemi.

Come trovare soluzioni?
Cercare di soddisfare i tuoi bisogni e quelli degli altri.



Lara é una ragazza che necessita di ascolto, una persona che vuole comprensione.
Lara  é la ragazza della porta accanto, capelli sistemati con una matita e molletta, un sorriso e tanta voglia di fare. I suoi occhi parlano per lei, le faccio una semplice domanda: Chi é Lara?

Lei sorpresa per la domanda, che sembra cosi stupida, poi ci riflette e capisce che forse non riesce a rispondere. Dopo un respiro profondo, mi dice.. io sono una ragazza come tante, piena di sogni, obiettivi e progetti, da volere realizzare. 


Sono una persona che non le piace parlare di sé e lo fa condividendo, ciò che fa. Parla attraverso le cose... Scrive, racconta e reinventa la vita.. Cerca il bello, che si nasconde dietro le cose, osserva, cattura ed immortala l'istante. Lara non si sente un numero. La sua giornata scorre, scrivendo, cercando qualche azienda, inviando curriculum, ma per adesso non trova risposte che possono offrirgli un'opportunità. Tra i curriculum non risposti, le candidature non affini, le difficolta di spostarsi per fissare il colloquio, la giornata inizia benino e finisce cosi cosi...
Sorride e si lascia sfuggire un pensiero, lo sai il colmo fra i disoccupati e gli occupati?
Io rispondo di no e lei dice..
I disoccupati hanno tanto tempo e poca capacità decisionale mentre gli occupati hanno poco tempo ma avrebbero la possibilità di decidere, come trascorrerlo..

La beffa, che entrambi viviamo una vita da cani, chi vorrebbe il tempo e chi invece il lavoro. Sarebbe giusto una via di mezzo, a tutti lavoro e tempo, da trascorrere con i cari, o per se stessi..




Commenti

Post popolari in questo blog

Gioco con scratch per imparare nuove parole

Gioco con scratch per imparare nuove parole. Ricreare il gioco del nome,cose e città, modificandolo un po.


Questo gioco permette al bambino o bambini di rispondere alle domande della lettera selezionata.

https://scratch.mit.edu/projects/289086911/


Creare un ambiente coabitativo per senzatetto

Un ambiente coabitativo per persone che stanno affrontando un periodo non bello. Quanto sarebbe bello, se fosse garantito come diritto costituzionale un'abitazione per tutti. Oppure concedere a persone senza fissa dimora uffici in disuso, ma spesso la burocrazia blocca il sistema e l'umanità verso le persone. Allora mi é venuta un'idea, perché non proporre tramite raccolta fondi ed interagendo con le istituzioni, la creazione di un ambiente coabitativo per le persone che non si possono permettere un'abitazione?  Le soluzioni ci sono e possono essere di facile realizzazione. Si possono usare case di legno anche a buon mercato, tipo quella leroy merlin. Che solo a 500 euro,  garantirebbe nelle notti gelide invernali un riparo,  a chi necessita di una casa. Si potrebbero posizionare in un suolo pubblico, tramite consenso dei comuni ed installare le casette. Inserendo una casetta a mo di cucina ed una a mo di bagno. Mentre le altre potrebbero servire per dormire. In questa…

Ebook scratch per una didattica che sorprende e stupisce

Ebook gratuito su kindle unlimited Scratch per una didattica che sorprende ed incuriosisce.
Ho cercato di creare un piccolo ebook che può risultare utile per chi voglia usare scratch nella didattica. L'ebook é rilasciato sotto licenza creative commons.
L'unico vincolo l'accreditamento al sito openbadges.it




Scratch Per Una Didattica C... by on Scribd
Spero che il libro vi piaccia..



Se doveste trovare errori segnalatemeli..
A breve le schede del gioco scratch ..