Passa ai contenuti principali

La storie siamo noi: Nella vita ci sono difficolta che spesso appaiono insormontabili

Questa volta, voglio parlarvi di qualcosa che ho vissuto in prima persona.


Le relazioni, che spesso non possiamo scegliere, quelle con la famiglia.
Uno quando pensa alla famiglia, pensa alla protezione, ma non sempre le cose funzionano cosi.
Non tutte le famiglie sono le stesse. Nella mia, mancava la protezione. La mia famiglia era una famiglia fuori dall'ordinario.
Io spesso mi sentivo attaccata dai miei stessi genitori. Quindi entravo in ansia, tutto iniziava a farmi paura.
Il senso di paura, lo sentivo spesso e non sapevo come farlo smettere. Allora ho attuato delle tecniche che direi fallimentari.

La fase, ti controllo paura mia.

Ho cercato di controllare la paura, ma non ha portato buoni risultati. Controllare un emozione diventa controproducente. La paura non si attenuava per niente anzi diventava sempre più grande.
Come procedeva la situazione?
Io parlavo con la mia paura, o almeno cercavo di ragionarci, vedi non é possibile, non devi avere paura.
Ma ragionare con la propria paura non porta buoni risultati. Più che altro, neanche credevo nel mio ragionamento, visto che ero una bimba ed avevo paura.
Sembrava che la paura si prendesse gioco di me.
Forse sarebbe servito, un genitore che con voce autorevole, mi avesse spiegato di non avere paura. Li avrei capito che non bisognava avere paura.
Ma nella mia famiglia, tutto diventava sempre più movimentato.
La paura veniva amplificata ancora di più da mio padre, ed allora le cose si complicano sempre di più.

Poi ho applicato la tecnica:io non ho paura.

Voila facevo l'indifferente, anche li le cose si complicavano, perché per un certo periodo, la paura si può nascondere, ma dopo ti presenta il conto con tutti gli interessi.
Il castello poggia su un letto di foglie secche.
Arriva un momento di crisi e voilà tutte tornano insieme e ti mettono ko. Tutte le paure non ascoltate solo li, tutte insieme. Quindi con lo stress si entra in tilt.

Avendo paura, sembra quasi che non riesci a raggiungere i traguardi. Sei bloccata dalle possibilità. Perché la paura diventa ansia, perché si trasforma in paura del futuro.
Quindi la paura di ciò che potrebbe accadere.

Volete sapere che succede?
Si diventa immobili, perché tutto potrebbe ipotecamente accadere. Chi ha paura si blocca. Ma non disperate che esiste una soluzione, dolorosa e lunga.

Si dovranno modificare le convinzioni e il modo di pensare, quello che ha cagionato la paura.
Se una persona ha paura, significa che da piccola non ha avuto una base sicura, si é sentita in pericolo.
Ecco alcune convinzioni che vanno cambiate:

Non esistono pericoli ipotetici
Nessuno ti vuole fare del male
Nessuno può dirti che non vali.


Ovvio che la mia famiglia non era solo questo. É sinceramente la persona che complicava le cose era mio padre. Come me, anche i miei fratelli e mia madre hanno subito lo stesso comportamento da parte di mio padre. Ecco perché penso sia importante risolvere le nostre paure ed ansie prima di avere dei figli. Non possiamo trasmettere le nostre paure, a chi amiamo. Io con molto rammarico, ho trasmesso alcune mie ansie alla persona che piu amo.

Ma cerchero di superare tutte le mie ansie e penso di riuscirci. Dai che si puo fare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Lim collegate allo smartphone: Lezioni multimediali

L'uso della lim ha cambiato l'insegnamento, rendendolo più collaborativo ed interattivo. 
Queste lavagne permettono l'approfondimento di tanti argomenti, visionando risorse disponibili sul web.
Le lim si possono collegare sia con il pc che allo smartphone. Oggi, mi piacerebbe legarlo allo smartphone.

Come si possono collegare?
Le lim possono essere collegate tramite appositi dispositivi, come google cast o altri device più economici al proprio smartphone.
Questa sarebbe la soluzione più tranquilla per accedere ai contenuti del proprio smartphone con la Lim.
In questa maniera si possono creare lezioni con le applicazioni installate sul telefonino.

Per chi vuole smanettare, esiste una via più economica ma un po più insidiosa.
Come procedere?
Scaricando l'applicazione teamviewer quicksupport sul proprio smartphone.
Si può scaricare la versione per android da google play store. Ecco il link
Una volta scaricata procediamo con l'installazione e con il collegare i disposit…

Scaricare libri gratuiti da usare nell'apprendimento

L'educazione si basa sulla condivisione e sulla promozione del benessere.  Non possiamo parlare di promozione e di condivisione, senza prendere in considerazione i libri.  I libri fanno parte della formazione e dell'apprendimento e di conseguenza condizionano l'educazione dell'alunno. 

Anche se per un discorso puramente pedagogico, il ruolo dell'educazione spetta alla famiglia.
Spero che le scuole sentano il peso della responsabilità che hanno sulle spalle. Per questo dovrebbero garantire l'apertura delle risorse ai propri studenti e docenti. La scuola dovrebbe accogliere ed aiutare lo sviluppo dei propri alunni e la continua formazione dei propri docenti. Non si può bloccare ed impedire la crescita degli alunni, solo per un impedimento tecnico.
Visto che i libri, vengono usati come strumento per diffondere il sapere, si dovrebbe garantire ai propri studenti l'accesso gratuito. Mentre aspettiamo iniziative a sostegno della diffusione di libri gratuiti per …