Passa ai contenuti principali

La storie siamo noi: Nella vita ci sono difficolta che spesso appaiono insormontabili

Questa volta, voglio parlarvi di qualcosa che ho vissuto in prima persona.


Le relazioni, che spesso non possiamo scegliere, quelle con la famiglia.
Uno quando pensa alla famiglia, pensa alla protezione, ma non sempre le cose funzionano cosi.
Non tutte le famiglie sono le stesse. Nella mia, mancava la protezione. La mia famiglia era una famiglia fuori dall'ordinario.
Io spesso mi sentivo attaccata dai miei stessi genitori. Quindi entravo in ansia, tutto iniziava a farmi paura.
Il senso di paura, lo sentivo spesso e non sapevo come farlo smettere. Allora ho attuato delle tecniche che direi fallimentari.

La fase, ti controllo paura mia.

Ho cercato di controllare la paura, ma non ha portato buoni risultati. Controllare un emozione diventa controproducente. La paura non si attenuava per niente anzi diventava sempre più grande.
Come procedeva la situazione?
Io parlavo con la mia paura, o almeno cercavo di ragionarci, vedi non é possibile, non devi avere paura.
Ma ragionare con la propria paura non porta buoni risultati. Più che altro, neanche credevo nel mio ragionamento, visto che ero una bimba ed avevo paura.
Sembrava che la paura si prendesse gioco di me.
Forse sarebbe servito, un genitore che con voce autorevole, mi avesse spiegato di non avere paura. Li avrei capito che non bisognava avere paura.
Ma nella mia famiglia, tutto diventava sempre più movimentato.
La paura veniva amplificata ancora di più da mio padre, ed allora le cose si complicano sempre di più.

Poi ho applicato la tecnica:io non ho paura.

Voila facevo l'indifferente, anche li le cose si complicavano, perché per un certo periodo, la paura si può nascondere, ma dopo ti presenta il conto con tutti gli interessi.
Il castello poggia su un letto di foglie secche.
Arriva un momento di crisi e voilà tutte tornano insieme e ti mettono ko. Tutte le paure non ascoltate solo li, tutte insieme. Quindi con lo stress si entra in tilt.

Avendo paura, sembra quasi che non riesci a raggiungere i traguardi. Sei bloccata dalle possibilità. Perché la paura diventa ansia, perché si trasforma in paura del futuro.
Quindi la paura di ciò che potrebbe accadere.

Volete sapere che succede?
Si diventa immobili, perché tutto potrebbe ipotecamente accadere. Chi ha paura si blocca. Ma non disperate che esiste una soluzione, dolorosa e lunga.

Si dovranno modificare le convinzioni e il modo di pensare, quello che ha cagionato la paura.
Se una persona ha paura, significa che da piccola non ha avuto una base sicura, si é sentita in pericolo.
Ecco alcune convinzioni che vanno cambiate:

Non esistono pericoli ipotetici
Nessuno ti vuole fare del male
Nessuno può dirti che non vali.


Ovvio che la mia famiglia non era solo questo. É sinceramente la persona che complicava le cose era mio padre. Come me, anche i miei fratelli e mia madre hanno subito lo stesso comportamento da parte di mio padre. Ecco perché penso sia importante risolvere le nostre paure ed ansie prima di avere dei figli. Non possiamo trasmettere le nostre paure, a chi amiamo. Io con molto rammarico, ho trasmesso alcune mie ansie alla persona che piu amo.

Ma cerchero di superare tutte le mie ansie e penso di riuscirci. Dai che si puo fare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen