Passa ai contenuti principali

Openbadges uso duckduckgo per cercare lavoro con i bang

Duckduckgo, motore di ricerca che tutela la privacy dei propri utenti.


Offre numerosi strumenti, che possono risultare utili agli utenti. Uno strumento utile a targettizzare la ricerca sono i bang.
I bang di Duckduckgo, possono essere usati, anche per cercare lavoro o effettuare la ricerca targettizzata, in altri siti meno specifici.

A che cosa servono i bang?
I bang sono scorciatoie per ricercare su siti specifici.

Ad esempio, possono essere utilizzati per la ricerca su linkedin, monster, subito, indeed ed altri siti di lavoro, che hanno implementato il bang sul proprio sito su duckduckgo.

Basta andare su duckduckgo, inserire il bang e poi la parola chiave. Un esempio  !linkedin lavoro milano  !monster lavoro seo

Ogni bang presenta un'abbreviazione con il simbolo specifico. Quando inserisci il bang !linkedin sulla barra, a destra troverai il simbolo piu l'abbreviazione, come in foto
!linkedin !li.
Lavoro bang duckduckgo


Ogni volta, che volete capire se un sito supporta il bang, potete inserire il !+nomedelsito, se apparirà l'abbreviazione, il sito presenta il bang, altrimenti no.
I siti che hanno implementato il bang, se cercati in quel modo, mostreranno nella parte destra il simbolo !+ abbreviazione, a volte !+nomesito.

Come usare duckduck per cercare lavoro?
Basta effettuare la ricerca con la !davanti al nome del sito di lavoro. !monster milano


Una ricerca che mi é molto piaciuta, quella con google.

!google lavoro site:linkedin.com
!bing lavoro napoli site:linledin.com


Puoi effettuare la ricerca su bing e google, targettizzando ancora di più.







Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen