Passa ai contenuti principali

Orange is the new black: Apprendiamo l'aspetto socio culturale delle carceri

Orange is the new balck, una serie tv ambientata nelle carceri femminili. 

Le serie tv apprendiamo l'aspetto socio culturale


L'uso della serie tv nella didattica é consigliato ad un pubblico di età maggiore ai 18 anni.
Orange mostra l'importanza delle gerarchie nella struttura sociale, le più anziane e chi vive nella struttura carceraria da più tempo, merita rispetto a differenza delle novelline. L'ambientazione delle carceri rappresenta metaforicamente, i limiti mentali, che vengono proposti nella nostra società.

Come in ogni microambiente presenta dinamiche e regole, che possono essere trovate in qualsiasi altro contesto. Orange is the new black, carceri con donne sofferenti, che diventano insensibili per la sofferenza altrui.

Le faide che susseguono le puntate della serie tv, sono le stesse di quelle presenti nei ghetti e sobborghi delle grandi città. Realtà impostate sulla prepotenza e sul finto rispetto. Giovani che fanno la voce grossa perché pensano che cosi verranno rispettati. Cercano quello che non hanno avuto da piccoli dai propri genitori e familiari. Ragazzi che per riscattare il proprio rispetto, si uniscono alle bande del carcere, dove innescano lotte senza fine.

Un altro argomento di riflessione, che viene sollevato dalla serie tv, il rapporto fra bambini e genitori carcerari.  

I rapporti ambivalenti,  i bambini che rifiutano le sorti del genitore e chi invece segue il loro esempio. Rapporti che vengono sconvolti dagli stili genitoriali, che si ripercuotono sui figli.
Figli che crescono con modelli genitoriali scorretti, che per reazione rifiutano o per accondiscendenza accettano come loro destino. Entrambi i comportamenti non producono benessere, sarebbe opportuno capire che ognuno può diventare genitore di se stesso. Accantonando i modelli genitoriali scorretti ed introducendone di sani.


Il personaggio più controvverso, la protagonista:
La figura che crea più scompiglio nella serie tv é la biondina, ricca, figlia di papà, che si adatterà al suo nuovo ambiente.
La trasformazione del suo personaggio é quella più radicale.
Da brava ragazza borghese, si trasforma in affarista, che sfrutta le vulnerabilità degli altri, per raggiungere i suoi scopi.
Ma il suo personaggio non rimane sempre lo stesso, infatti verso la fine cambierà nuovamente, mostrando empatia e comprensione delle difficoltà altrui.
Il suo cambiamento aggiunge consapevolezza al suo personaggio, rendelo maturo.
Questo dimostra come il comportamento umano sia condizionabile dall'ambiente o habitat in cui si vive.

Insegnamento:
Se non abbiamo avuto modelli sani e salutare da seguire, sarebbe opportuno capire che non siamo i nostri genitori e che possiamo decidere come orientare la nostra vita.

Domande suscitate dopa la visione delle puntate:
1)Quanto sono importanti le scelte dei genitori sui figli?
2) Come possiamo modificare gli schemi scorretti genitoriali?

Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen