Passa ai contenuti principali

Post come difendersi dalla clonazione del proprio sito

Proteggersi dalla clonazione sito


Oggi una spiacevole notizia.
Effettuo la ricerca su google per capire a livello seo, lo stato d'indicizzazione del blog. L'amarissima sorpresa, un sito ha clonato le mie meta description, inserendo sia nel titolo che nelle immagini, alt e parole non attinenti.

Perché voglio condiverlo con voi?

Perché chiunque si può trovare nella mia stessa situazione. Bene ricordatevi di respirare profondamente, ma vi accorgerete che le pratiche yoga servono ben poco. L'istante che ti accorgi dell'accaduto, il cervello va in panne ed inizia lo proliloquio momentaneo. Ritornando calmi, ecco le pratiche da considerarsi utili per fronteggiare il problema.

La prima cosa non vergognarsi.Tutti ci possiamo trovare nella stessa situazione e vi invito a parlarne tranquillamente.
Dopo questa premessa, iniziamo a conoscere il sito fake, ma probabilmente anche i dati che troveremo saranno fake come il sito. 



Però tentiamo, non si sa mai. Controllare il whois del sito, segnandoci il provider e tutte le informazioni necessarie.
L'hacker che si é divertito sul mio sito, ha usato un dominio gratuito, con geocalizzazione in belgio. Il nome dell'organizzazione risulta conosciuta per queste attività sospette da altri utenti.

Proseguiamo col segnalare l'anomalia a google. Perché altrimenti vi penalizzerà a livello seo, peggiorando la vostra indicizzazione. Potete segnalarla con la pagina apposita riservata allo spam.

Un altro punto importante é il coinvolgimento di internet.
Proporro nella pagina facebook ed anche qui la segnalazione di siti fake, che clonano o danneggiano internet. Segnalerò a mia volta, i siti fake che hanno arrecato danni ad altri siti. Perché si spera in un internet libero ma allo stesso tempo che crei valore aggiunto e che non si limiti a danneggiare, per il piacere di farlo.

Mi starete chiedendo perché segnalarlo?

Perché l'uso di queste tecniche non danneggia solo me, danneggia l'informazione. La domanda da porci, perché usare dei contenuti altrui, solo per arrecare danni ad altri utenti?

In questa maniera una persona che era convinta della libertà e dell'open cultura, inizia a vacillare.

Inizio a domandarmi se non sia meglio mettere tutti i contenuti sotto copyright? Quando gli altri fanno peggiorare chi siamo. Sono molto delusa.


Questo post ha diversi scopi, uno divulgativo, uno per chiarire la mia estranietà e segnalare l' attività scoretta e uno altro per aiutare chi si trova nella stessa situazione.






Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Learning apps: Crea la tua applicazione per i tuoi alunni

Learning apps, applicazione utile nel creare giochi interattivi e didattici per i propri studenti, la propria classe oppure per divertimento.

Facile ed intuitiva. Si possono trovare numerose applicazioni, divise per categorie. Se non trovate l'app desiderata, potete crearne una tutta vostra.

L'uso dell'applicazione learning apps, non richiede grandi capacità tecniche. L'applicazione é molto intuitiva e si usa facilmente.
Per creare un'applicazione, basta cliccare sul tasto crea app. Si aprirà una finestra, dove sono collocati diversi tamplate da usare. Si possono scegliere diverse tipologie di template, per creare giochi interattivi da usare in classe.
Questo é un esempio di gioco di memory card.

Vi consiglio la visione del video di App for prof. Nel video é possibile visionare tutte le funzionalità dell'applicativo. Potete trovare il video sul canale youtube del prof Luca Raina. Buon learning apps a tutti...