Passa ai contenuti principali

Ruzzle in classe: Il paloriere per creare giochi didattici in classe

Usare Ruzzle in classe, il paloriere che stimola la curiosità e il divertimento nei bambini. 

L'applicazione può essere usata in classe, per diverse attività da svolgere, sia in gruppo che da soli.
Sotto, parlerò di alcune attività da poter svolgere.

Ruzzle i bimbi imparano giocando


Gioco di gruppo, per stimolare il team building nei ragazzi.

Come funziona l'attività formativa?

L'insegnante proporra alla classe di dividersi in gruppi da cinque (un numero a  scelta dell'insegnante).
Si creeranno cinque squadre, ognuna capitanata da un giocatore.
Il capitano inserirà su ruzzle, le parole proposte dai compagni della sua squadra.

Qual é il materiale che occorre per svolgere l'attività?

1)Cinque telefonini
2)Applicazione ruzzle installata
3)Un account ruzzle per ogni squadra collegato a facebook

Dopo essersi accertati di possedere tutto il materiale. Possiamo dare inizio alla partita. Ogni gruppo si sfiderà, proponendo le proprie parole alla squadra avversaria. Chi avrà raggiunto il miglior punteggio, vincerà la partita.
Per rendere il clima ancora più coinvolgente, possiamo associarlo al sistema dei badges. I ragazzi percepiranno i badges come premi e il gioco diventerà più coinvolgente.
Possiamo creare distintivi genereci e altri tematici, da poter condividere. Questi badges possono essere collezionati dagli alunni e condivisi sui social network.
Ogni giocatore, riceverà il badges giornata con ruzzle e altri personalizzati, da poter condividere.

Gioco a singolo:
L'insegnante proporrà alla classe di giocare. Definendo delle regole che gli alunni dovranno rispettare.

Una possibile regola:
Le parole inizieranno per lettere specifiche.
Un esempio di partita:
Le parole consentite inizieranno per le lettere A, B e N, queste le possibili parole da creare.

A=Abito
A=Albero
B=Bottiglia
B=Barile
N=Nota
N=Nuoto

I ragazzi dovranno usare queste lettere, per creare le parole, come da esempio sopra.

Sembra facile farlo, ma chi ha già giocato con ruzzle, sa benissimo che le combinazioni non sono semplici. Questo strumento può essere usato, anche in classe primarie, per sviluppare il vocabolario nei bambini.

Facendo ruotare le scelte delle lettere di inizio, i bambini giocando, miglioreranno il proprio vocabolario. Nella prima fase, si consiglia di scegliere più lettere, almeno 6 o 7, così il bambino non entrerà in crisi. Più i bambini diventeranno bravi, più si può rendere difficile la partita.
Una piccola attenzione, nella prima fase del gioco, moderiamo la difficoltà. Se all'inizio rendiamo il gioco troppo difficile, il bambino non acquisterà mai la fiducia e la voglia di giocare.
Nelle fasi successive, possiamo aumentare la difficoltà, l'alunno vedrà la richiesta dell'insegnante come una sfida.
Le sfide fungeranno da stimoli positivi e gli alunni cercheranno di raggiungere gli obiettivi proposti dall'insegnante.

Il gioco ruzzle risulta un'ottima attività ludica ma bisogna stare attenti che risulti divertente e che le sfide non venghino percepite come qualcosa di personale.


É importante che il gioco, venga percepito dagli alunni come un'attività divertente e non diventi un momento di stress per la classe.
Sarà il compito di ogni insegnante, capire se il gioco risulta troppo difficile.
L'insegnante, potrà apportare le modifiche necessarie per rendere il gioco, uno stimolo positivo per l'apprendimento.

Fatemi sapere cosa ne pensate e condividete la vostra esperienza.



Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Learning apps: Crea la tua applicazione per i tuoi alunni

Learning apps, applicazione utile nel creare giochi interattivi e didattici per i propri studenti, la propria classe oppure per divertimento.

Facile ed intuitiva. Si possono trovare numerose applicazioni, divise per categorie. Se non trovate l'app desiderata, potete crearne una tutta vostra.

L'uso dell'applicazione learning apps, non richiede grandi capacità tecniche. L'applicazione é molto intuitiva e si usa facilmente.
Per creare un'applicazione, basta cliccare sul tasto crea app. Si aprirà una finestra, dove sono collocati diversi tamplate da usare. Si possono scegliere diverse tipologie di template, per creare giochi interattivi da usare in classe.
Questo é un esempio di gioco di memory card.

Vi consiglio la visione del video di App for prof. Nel video é possibile visionare tutte le funzionalità dell'applicativo. Potete trovare il video sul canale youtube del prof Luca Raina. Buon learning apps a tutti...