Passa ai contenuti principali

Esempio con Scratch: Chiedere ed attendere risposta

Ecco un esempio che mostra come porre domande, attendere risposte su scratch.


Scratch, mette a disposizione dei propri utenti diversi blocchi, che aiutano nella programmazione. Possiamo distinguere tre diverse tipologie di blocchi, in base alla loro forma.
Scratch presenta i seguenti blocchi:

Impilati:
Questi blocchi possiedono sia nella parte iniziale una fessura, nella terminale un bottone. Questa componente permette di inserirli, uno sopra l'altro. Un esempio di blocchi impilati sono i blocchi dire, chiedere ecc. Come potete notare giù nella figura mostrano anche la possibilità di inserire input al loro interno.

Cappello:
Questa tipologia mostra un aspetto arrotondato nella parte iniziale, mentre nella parte inferiore presentano un pulsante da poter inserire. Questa tipologia
può essere inserita solo all'inizio.
Un esempio di blocco cappello é il blocco bandiera  (tutti i blocchi che presentano il suo aspetto).
Solitamente questi blocchi attendono la manifestazione di un evento.

Report:
Questi blocchi hanno una forma particolare e possono essere inseriti all'interno di altri blocchi, che presentano la parte input. A differenza dei precedenti non presentano ne bottoni da incastrare, ne fessure. I blocchi report possono presentare valori logici, stringhe e valori numerici. Un esempio di blocco report é il blocco risposta.
Per saperne di più, potete visionare la seguente lista qui.

Adesso torniamo al nostro caso, l'immagine sottostante mostra un esempio di richiesta e risposta.





In questo esempio, il gatto chiede all'utente, quanto fa 2+3 ed attende la risposta.
Se la risposta é 5 allora, il gatto dirà giusto. Altrimenti dirà sbagliato per 2 secondi.

Questo avviene in linea generale, adesso vediamo quali sono i blocchi usati nello specifico.
Siamo in presenza dei seguenti blocchi:
Blocco controllo
Blocchi sensori
Blocco operatore
Blocchi aspetto
Blocco situazione

Ecco l'elenco degli altri blocchi:

Blocco start scratch

Blocco situazione - blocco marroncino:

Il blocco bandiera, permette di azionare l'animazione, quando l'utente clicca sull'icona bandiera.


Blocco scratch

Blocco azzurro - blocco sensore:

Questo blocco sensore mostra la domanda "Quando fa 2+3" sullo schermo e memorizza la risposta.

Blocco scratch controllo

Blocco seppia/arancione - Blocco controllo:

Questo blocco viene usato per porre una condizione. Se la risposta =5 quindi la condizione iniziale é vera, comparirà: Esatto per 2 secondi.
Altrimenti la condizione risulta falsa, comparirà: Hai sbagliato.

Ssnsore scratch

Blocco azzurro - Blocco sensore:

Il blocco risposta dentro la condizione é un blocco sensore. Riporta l'ultimo valore inserito nella tastiera ed é collegato con il blocco "chiedi e attendi". Cioé con il nostro primo blocco sensore.

Blocco verde - Blocco Operatore:

La condizione all'interno del blocco controllo, può avvenire tramite l'operatore. Il blocco operatore preso in questione é questo:



La condizione é vera, se il valore della risposta corrisponde a 5. L'operatore serve nel riconoscere se i due valori sono uguali.

Blocchi viola - Blocchi aspetto:

I blocchi seguenti sono blocchi say o dire. Questi blocchi riportano la frase sullo schermo, per il tempo richiesto 2 secondi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Lim collegate allo smartphone: Lezioni multimediali

L'uso della lim ha cambiato l'insegnamento, rendendolo più collaborativo ed interattivo. 
Queste lavagne permettono l'approfondimento di tanti argomenti, visionando risorse disponibili sul web.
Le lim si possono collegare sia con il pc che allo smartphone. Oggi, mi piacerebbe legarlo allo smartphone.

Come si possono collegare?
Le lim possono essere collegate tramite appositi dispositivi, come google cast o altri device più economici al proprio smartphone.
Questa sarebbe la soluzione più tranquilla per accedere ai contenuti del proprio smartphone con la Lim.
In questa maniera si possono creare lezioni con le applicazioni installate sul telefonino.

Per chi vuole smanettare, esiste una via più economica ma un po più insidiosa.
Come procedere?
Scaricando l'applicazione teamviewer quicksupport sul proprio smartphone.
Si può scaricare la versione per android da google play store. Ecco il link
Una volta scaricata procediamo con l'installazione e con il collegare i disposit…

Scaricare libri gratuiti da usare nell'apprendimento

L'educazione si basa sulla condivisione e sulla promozione del benessere.  Non possiamo parlare di promozione e di condivisione, senza prendere in considerazione i libri.  I libri fanno parte della formazione e dell'apprendimento e di conseguenza condizionano l'educazione dell'alunno. 

Anche se per un discorso puramente pedagogico, il ruolo dell'educazione spetta alla famiglia.
Spero che le scuole sentano il peso della responsabilità che hanno sulle spalle. Per questo dovrebbero garantire l'apertura delle risorse ai propri studenti e docenti. La scuola dovrebbe accogliere ed aiutare lo sviluppo dei propri alunni e la continua formazione dei propri docenti. Non si può bloccare ed impedire la crescita degli alunni, solo per un impedimento tecnico.
Visto che i libri, vengono usati come strumento per diffondere il sapere, si dovrebbe garantire ai propri studenti l'accesso gratuito. Mentre aspettiamo iniziative a sostegno della diffusione di libri gratuiti per …