Passa ai contenuti principali

Educare all'errore e al rispetto di regole chiare e concise

I bambini sono come spugne, imitano, osservano ed imparano dagli esempi dei grandi.

Quindi sta a noi grandi, creare un ambiente più consono alle esigenze dei più piccoli.

Le attività effettuate in tenera età, stimolano la parte percettiva dei bambini. Insomma possiamo fare in modo che, i bambini sviluppino la loro autonomia ed autocontrollo, oppure no.

Ma per stimolare l'autocontrollo ed autonomia nel bambino, bisogna dare il buono esempio.

Perché immaginatevi, quanto possa essere credibile una persona che dice: bisogna riflettere prima di agire. Se poi quando succede qualcosa, davanti al bambino sclera di brutto?

Oppure un genitore, che rimprovera il figlio perché ha bevuto mentre sta tenendo sulla mano destra una birra. Siamo seri...

Le regole valgono per tutti grandi e piccini. Altrimenti questi poveri bambini riceveranno messaggi ambigui.

Risulterebbe molto pericoloso, per la salute psico fisica del bambino ricevere messaggi ambigui. Adesso immaginatevi questo ipotetico bambino. Rimproverato dal genitore che non rispetta la regola che impone al figlio.

Come reagirà?
Il bambino riceverà  stimoli con diversi orientamenti.
Non capirà la diversità dei comportamenti e penserà che le regole non valgono per tutti.
Questo metterà in confusione il bambino. Questo clima con consentirà lo sviluppo ideale del bambino.
Che non sentendosi a proprio agio non manifesterà il suo potenziale.

Perché é molto importante che il bambino capisca, di poter sbagliare senza sentirsi in colpa. Che l'errore non ha una valenza negativa e che non necessita di una terza persona per capire i propri errori.
Ed al contempo, sarebbe bello se gioisse dei propri errori. Vedendoli come possibilità, per fare del proprio meglio e modificare alcuni comportamenti, idee, ipotesi che hanno cagionato l'errore. Prendendo in  considerazione che in questo caso, la strada da perseguire é differente, ma ricordarsi che potrà riproporre il medesimo comportamento in altri contesti (tranne se dovessero essere deleteri).
Insomma s'impara sbagliando...

Una nota a favore degli educatori e dei genitori. Penso che educare sia il più difficile mestiere.  Per questo motivo spesso la pratica non corrisponde alla teoria.




Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Learning apps: Crea la tua applicazione per i tuoi alunni

Learning apps, applicazione utile nel creare giochi interattivi e didattici per i propri studenti, la propria classe oppure per divertimento.

Facile ed intuitiva. Si possono trovare numerose applicazioni, divise per categorie. Se non trovate l'app desiderata, potete crearne una tutta vostra.

L'uso dell'applicazione learning apps, non richiede grandi capacità tecniche. L'applicazione é molto intuitiva e si usa facilmente.
Per creare un'applicazione, basta cliccare sul tasto crea app. Si aprirà una finestra, dove sono collocati diversi tamplate da usare. Si possono scegliere diverse tipologie di template, per creare giochi interattivi da usare in classe.
Questo é un esempio di gioco di memory card.

Vi consiglio la visione del video di App for prof. Nel video é possibile visionare tutte le funzionalità dell'applicativo. Potete trovare il video sul canale youtube del prof Luca Raina. Buon learning apps a tutti...