Passa ai contenuti principali

Napolislam: film da proporre in classe per studio sociologico

Napolislam un film che fa crescere. Un documentario che mostra una realtà del nostro paese Italia.


Uno scambio culturale che diventa integrazione. Che mostra un Italia in cerca di una identità.
Consiglierei la visione di questo film in classe. Soprattutto adesso, che necessitiamo di una maggiore comprensione di una cultura multietnica.
Poiché ormai anche le classi sono diventate multietniche ed i ragazzi necessitano di comprendere le differenze culturali.

Napolislam ci permette di conoscere un fenomeno.
Questo documentario, mostra l'islam con  gli occhi degli italiani. Italiani che scelgono un nuovo mondo.  Scelte coraggiose perché spesso non capite dagli altri. Scelte di un cambiamento che poi diventa una scelta di vita. Una modifica culturale che racconta nuove usanze e credenze, oltre alla lingua e religione. Napolislam, un fenomeno che coinvolge non solo napoli ma tutta Italia ma che solo i napoletani hanno avuto il coraggio di mostrare. Un film che nasce dalla sofferenza e dalla voglia di cambiamento..

Napolislam, racconta le motivazioni che spingono un paese alla ricerca di un altro modo di interagire. Una voglia nata dal malessere sociale .  Che porta ad un'integrazione figlia di una conversione socio culturale.
Ecco, napolislam mostra alcune risposte. Ascolta le voci delle persone che hanno vissuto il cambiamento.

Documentario  genuino che mostra realtà contrastanti. Due mondi che si uniscono.

Culture diverse che si abbracciano. Un italia che cambia..
Ecco perché proporrei la visione di Napoislam in classe. Per mostrare agli alunni come le difficoltà, possono creare nuove opportunità e consentire l'evoluzione dell'uomo.

Questo film potrebbe diventare un progetto scolastico. Consentendo agli studenti di  mettere in risalto, le diversità ma anche le somiglianze.



La visone  in classe di napolislam, per motivare i ragazzi alla ricerca delle diversità che uniscono.

Diversità che possono trovare un punto in comune,  l'amore.

Amore per sé stessi, amore per il proprio partner, per figli, familiari, amici, fratelli e per la società.

Da li, si potrebbe partire per proporre un progetto che potrebbe stimolare la ricerca dell'amore.
Una volta conosciute le diversità. 


L'insegnante potrebbe proporre gruppi di tre ragazzi, fra italiani e stranieri.
Il progetto potrebbe comprendere diverse attività, che consentiranno di trascorrere del  tempo insieme.

Questo consentirà di conoscere le famiglie, di divertirsi insieme e di scoprire le diversità. Di conoscere le usanze e viverle in prima persona per trovare similitudini, differenze e punti in comune.

Sicuramente i ragazzi, vivranno il progetto con entusiasmo e sapranno interagire nel migliore dei modi. Mostrando ai grandi che spesso le difficoltà e le incomprensioni nascono dalle regole che ci auto imponiamo.

Sarebbe bello esporre le diverse esperienze in un album.

Si potrebbe completare il progetto, mostrando questa  canzone che incoraggia l'amore fra i popoli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Learning apps: Crea la tua applicazione per i tuoi alunni

Learning apps, applicazione utile nel creare giochi interattivi e didattici per i propri studenti, la propria classe oppure per divertimento.

Facile ed intuitiva. Si possono trovare numerose applicazioni, divise per categorie. Se non trovate l'app desiderata, potete crearne una tutta vostra.

L'uso dell'applicazione learning apps, non richiede grandi capacità tecniche. L'applicazione é molto intuitiva e si usa facilmente.
Per creare un'applicazione, basta cliccare sul tasto crea app. Si aprirà una finestra, dove sono collocati diversi tamplate da usare. Si possono scegliere diverse tipologie di template, per creare giochi interattivi da usare in classe.
Questo é un esempio di gioco di memory card.

Vi consiglio la visione del video di App for prof. Nel video é possibile visionare tutte le funzionalità dell'applicativo. Potete trovare il video sul canale youtube del prof Luca Raina. Buon learning apps a tutti...