Passa ai contenuti principali

Scratch: Unisce tecnologia e metodo montessori

Il metodo montessori guida l'alunno nell'autoesplorazione e nella ricerca di una motivazione interiore. 


I bambini che frequentano, scuole montessoriane, sono più liberi di esprimersi e spesso possono alzarsi senza che le maestre intervengano.

Metodo montessori e tecnologia

Voi penserete, come si può gestire una classe senza rigore?


Alt, consentire l'espressione degli interessi del bambino, non significa assenza di disciplina o regole. Il metodo montessoriano non impone regole esterne, ma cerca di stimolare nel bambino l'autodisciplina, dettata dall'esperienza diretta.

Insomma, mi sembra più una scuola di vita, dove gli insegnanti fungono da guide.

Perché usare il metodo Montessori?
Perché il metodo Montessori crea buone abitudini nel bambino. Adattando l'ambiente agli studenti. Infatti si potranno osservare nelle scuole montessoriane, aule a misura di bambino. Questo metodo di apprendimento, non blocca l'azione ma guida ed aiuta l'alunno quando necessita di bisogno.

Un aspetto che ha stimolato in me molte riflessioni, é l'uso della tecnologia nelle scuole montessoriane. Si o no?


Io sono una persona appassionata sia di tecnologie che di pedagogia.
Penso che la tecnologia possa davvero cambiare positivamente il contesto in cui viviamo.

Premessa il metodo Montessori non si basa prettamente sulla tecnologia. Perché incoraggia l'uso delle mani e dei gesti per stimolare l'apprendimento.
Mi fa ricordare questa filosofia, il metodo lego. Pensare con le mani.

Insomma siamo circondati dalla tecnologia ma non possiamo usare solo questa nella didattica. Però possiamo usarla per migliorare la didattica, facendola diventare più inclusiva.

Ecco come potrebbe essere una possibile integrazione montessori/ tecnologia.

La mia visione di una possibile integrazione parte da scratch.
Penso che scratch ( o altri software coding) possano fare da collant, fra il metodo montessoriano e la tecnologia.
Scratch catturerà l'attenzione dei bambini con le animazioni.

Mentre l'insegnante potrà usare il metodo montessoriano, per creare le attività ludiche extra.  Disponendo sui tavoli fogli, penne e materiale (blocchi costruzioni, lego oppure altre formine, o pasta modellante) per realizzare l'animazione o lezione.
I bambini prenderanno il materiale, decideranno cosa fare e poi passeranno alla realizzazione sul pc.

I bambini verranno guidati dall'insegnante che interverrà solo se necessario.


Integrando attività fisica, caccia al tesoro, scratch e metodo montessoriano, penso che si possa realizzare una didattica umanizzata.

Contrastando la disumanizzazione che invece sta portando la tecnologia.

Almeno secondo il mio parere.

Fatemi sapere cosa ne pensate.


Se siete interessati, é stato scritto un libro che affronta le perplessità della tecnologia nel metodo Montessori.
Il libro é scritto da Mario valle.

Lascio il link, se volete darci un'occhiata oppure acquistare il libro.

La pedagogia Montessori e le nuove tecnologie. Un'integrazione possibile?

Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Learning apps: Crea la tua applicazione per i tuoi alunni

Learning apps, applicazione utile nel creare giochi interattivi e didattici per i propri studenti, la propria classe oppure per divertimento.

Facile ed intuitiva. Si possono trovare numerose applicazioni, divise per categorie. Se non trovate l'app desiderata, potete crearne una tutta vostra.

L'uso dell'applicazione learning apps, non richiede grandi capacità tecniche. L'applicazione é molto intuitiva e si usa facilmente.
Per creare un'applicazione, basta cliccare sul tasto crea app. Si aprirà una finestra, dove sono collocati diversi tamplate da usare. Si possono scegliere diverse tipologie di template, per creare giochi interattivi da usare in classe.
Questo é un esempio di gioco di memory card.

Vi consiglio la visione del video di App for prof. Nel video é possibile visionare tutte le funzionalità dell'applicativo. Potete trovare il video sul canale youtube del prof Luca Raina. Buon learning apps a tutti...