Passa ai contenuti principali

Intervista Andrea Demichelis: Elliot for water

La tecnologia può migliorare la qualità di vita delle persone

Lo sviluppo tecnologico come strumento per migliorare la qualità di vita delle persone.
Si sta diffondendo sempre di più, il concetto che, il progresso tecnologico comporti una disumanizzazione della società. Lo sviluppo tecnologico  viene associato all’automatizzazione della società e alla privazione dei diritti. Un approccio diverso, viene proposto, da Andrea fondatore di Elliot for water… Le regole di internet migliorano il benessere e la qualità di vita delle persone.
Elliot For Water è il motore di ricerca che porta l’acqua nei paesi in via di sviluppo, nello specifico Guinea-Bissau. Un’iniziativa che unisce l’amore per la tecnologia al benessere della collettività.


Quale è stata la motivazione che ti ha permesso di trasformare la tua idea in qualcosa di reale?


La motivazione è stata il desiderio di voler creare un progetto importante che potesse avere un impatto positivo sulla vita delle persone, e non solo concentrato sul farmi guadagnare dei soldi.
Sono pienamente convinto che si possa avere successo, anche economicamente, e aiutare allo stesso momento, e con Elliot For Water voglio dimostrarlo.



Le regole sociali cercano di dividere e mettere dei confini ben precisi fra settori differenti. Come, se esistessero dei margini preimpostati, da rispettare obbligatoriamente.  Tu invece sei uscito fuori dagli schemi ed hai unito più settori.

Quando hai realizzato il tuo progetto, quali sono state le reazioni delle persone?


In generale le reazioni sono state molto positive, anche perché è un progetto che punta a salvare milioni di vite umane. La mia missione, infatti, è quella di portare acqua potabile ad un milione di persone entro il 2025.


Oggi più che mai, abbiamo bisogno di credere, nel miglioramento, nella riqualifica territoriale e rispetto dell’essere umano in quanto tale. Ridare al mondo ciò che abbiamo usato o preteso. Sviluppare sentimenti di collaborazione, comunità e consapevolezza di una tecnologia intelligente.

Pensi che la formazione dovrebbe insegnare e promuovere la consapevolezza che un mondo migliore è possibile?


Io penso di si, ed è proprio in questo modo che ho deciso di creare Elliot For Water.
Nella business school dove ho studiato, la Paris ESLSCA Business School, mi hanno insegnato che ci sono molti modi per creare un business che sia sostenibile dal punto di vista economico, e che allo stesso tempo possa aiutare il pianeta e altre persone.
Ed è durante uno di questi corsi che sono venuto a conoscenza del problema dell’acqua e delle prime tecnologie in grado di purificarla.



Quali sono state le sensazioni che hai provato quando hai visto gli effetti del tuo progetto?


Anche se il nostro primo progetto, realizzato in Guinea-Bissau in collaborazione con l’associazione di Londra Well Found, è solo all’inizio, l’emozione di vedere l’impatto che il tuo lavoro sta avendo sulla vita di altre persone è molto forte.
Quando ho visto i primi risultati, però, non ho realizzato subito cosa stava succedendo, ma è stato un mio amico che scrivendomi mi ha fatto capire quello cosa stava succedendo; è stato come aver raggiunto un primo piccolo traguardo.
Per ora siamo riusciti a mandare al villaggio una stagioni di semi, in modo che le persone possano cominciare a coltivare, ma sono fiducioso che potremo cominciare il vero progetto legato all’acqua già a Settembre.


Quali sono stati gli aspetti più difficoltosi nella realizzazione pratica?
La parte più complicata è sicuramente quella di trovare il villaggio dove realizzare il progetto. Fortunatamente io ho conosciuto subito Well Found, l’associazione che si occupa con noi di realizzare il progetto umanitario. Loro lavorano in Guinea-Bissau già da 10 anni, sanno come muoversi sul posto, sia dal punto di vista burocratico che da quello logistico, conoscono i villaggi e le persone del posto. Sono molto contento di poter collaborare con un’associazione come la loro.

Qualche consiglio che daresti ai ragazzi che vogliono realizzare un progetto tecnologico socialmente utile?


Consiglierei di andare avanti per questa strada in quanto la tecnologia di oggi ci da moltissime possibilità di aiutare facendo business ma, come in ogni altro progetto, bisogna avere moltissima pazienza.
Quando si comincia un percorso del genere si pensa sempre di avere successo nel giro di qualche settimana, in realtà poi ci vanno quasi sempre un paio di anni, quindi non fatevi scoraggiare dal primo stop e datevi il tempo necessario per riuscire.

Link social
Facebook - Elliot For Water

Instagram - @elliotforwater

Twitter - @elliotforwater

Linkedin - Elliot For Water

Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen