Passa ai contenuti principali

Intervista Lianka smiling coding

L’apprendimento disegnato dai bambini

Se dovessimo chiedere ai bambini di disegnare l’apprendimento probabilmente riusciremo a cogliere tutte le sfumature dell’insegnamento. Troveremo la collaborazione, la fantasia e la libertà di creare un mondo,dove non esistono barriere mentali che ostacolano il naturale processo. I bimbi riescono a trasformare l’apprendimento in qualcosa di vivo e colorato, dove ognuno può esprimere la propria personalità e  le proprie passione in totale libertà.
Come mantenere la capacità di stupirsi della vita?
A mio avviso, curiosità e stupore sono insieme la base per la conoscenza nella vita.
È il modo in cui i bambini si avvicinano al mondo sin dalla nascita: mi stupisco, sono curioso, voglio sapere di più del mondo che mi circonda e lo esploro con i mezzi a mia disposizione.
Stupirsi nella vita vuol dire essere un po’ bambini, aver voglia di essere curiosi e di voler conoscere il mondo che ci circonda, così come voler esplorare ciò che più ci interessa.
Ritengo, perciò, che la curiosità sia alla base della conoscenza. Mantenere viva la curiosità significa mantenere viva la voglia di conoscere e di imparare. Quando si è curiosi nella vita, si è capaci di stupirsi di qualsiasi cosa si incontri sul nostro cammino, qualsiasi esso sia, senza dare per scontato nulla: dalla vita di un minuscolo insetto alle grandi invenzioni fatte nel corso della storia.
Mi sento perciò di poter affermare che la capacità di stupirsi nella vita si possa mantenere viva lasciando libero il bambino curioso che vive in ognuno di noi.
Le barriere imposte dalle regole della società limitano il normale processo d’apprendimento . Come stimolare il  superamento delle paure che ci vengono imposte dal sistema scolastico?
Purtroppo, spesso si vedono bambini e ragazzi spaventati dal “voto” che hanno preso in un’interrogazione, del giudizio che hanno meritato da insegnanti o compagni di scuola.
Credo che il miglior modo per aiutare i ragazzi a superare le paure che l’ambiente scolastico lascia in loro, sia quello di aiutarli a capire che ognuno di loro non è rappresentato da un voto o da un giudizio. Concentrarsi su ciò che si sta imparando, insistendo sul perché è importante avere determinate conoscenze, è la chiave per aiutare i ragazzi nel loro compito di studenti. Il coinvolgimento dei ragazzi dovrebbe essere la base per il loro insegnamento, così come mantenere viva la curiosità in loro e stimolare la creatività. Per aiutare i ragazzi a superare le paure portate dai giudizi, sarebbe auspicabile coinvolgerli nelle lezioni, ma lasciandoli sempre liberi di esprimersi con i mezzi che ritengono più idonei. Ogni ragazzo dovrebbe potersi esprimere attraverso la propria creatività, perché ognuno di loro ha capacità, qualità e sensibilità proprie e diverse da quelle dei compagni o degli insegnanti.
A mio avviso, puntando sulle capacità di ogni ragazzo e sul coinvolgimento di ognuno di loro negli argomenti proposti, premiando gli sforzi e i risultati ottenuti, utilizzando gli errori come crescita personale, sicuramente aiuterebbe i ragazzi a superare le loro paure e migliorerebbe l’apprendimento.
Pensi che i giochi  possano migliorare le capacità di problem solving dei bambini?
Ritengo che qualsiasi gioco sia importante per migliorare le capacità di problem solving nei bambini. L’importante è che siano i bambini a ragionare con la propria testa. Una volta forniti gli strumenti e le regole del gioco, devono essere loro a pensare come utilizzare ciò che hanno a disposizione per risolvere un problema. Anche se spesso noi adulti vorremmo aiutare i bambini a trovare una soluzione a qualsiasi sia il problema posto dal gioco, è importante che siano i bambini stessi a provare, anche a sbagliare o addirittura a trovare strade alternative che non erano state prese in considerazione.
Lasciandoli liberi di ragionare, i bambini sono in grado di trovare soluzioni attraverso strade che gli adulti considererebbero insensate, soluzioni che sarebbero rimaste inesplorate ma, grazie alla creatività di un bambino, vengono portate alla luce.
Anche gli errori sono fondamentali. Anzi è proprio per non voler sbagliare, o per errori già commessi in precedenza nel gioco, che i bambini tentano nuove strade per migliorarsi.
Tutto questo affina le capacità di problem solving del bambino.
                                                                                                   
Come trasformare l’apprendimento passivo in attivo?
Curiosità, coinvolgimento, creatività sono le “mie parole chiave” per trasformare l’apprendimento passivo in apprendimento attivo. Presentare un argomento ai ragazzi in modo attivo significa lasciare in loro la curiosità necessaria perché vogliano porre domande e approfondire. A volte riportare un argomento attraverso “storielle” o curiosità più o meno note sull’argomento, aiuta ad accrescere la voglia dei ragazzi di approfondire. Questo fa sì che i ragazzi si sentano protagonisti e coinvolti, non solo spettatori. Quando sanno di poter portare il proprio personale contributo, sapendo inoltre di poter utilizzare la propria creatività e sensibilità, in un ambiente che non li giudichi, allora gli alunni parteciperanno attivamente a qualunque attività proposta.
Quali sono le strategie migliori per coinvolgere l’alunno?
Per mia esperienza, la migliore strategia per coinvolgere l’alunno è trasformare una lezione frontale da racconto dell’insegnante a un momento di discussione e condivisione. Una volta forniti gli strumenti per affrontare la lezione, allora si può coinvolgere gli alunni in una discussione comune, attraverso domande che possano lasciare spazio alla loro creatività: “perché secondo voi…?”, “immaginiamo come si possa fare in altro modo”, “cosa ne pensate?”, “come lo risolvereste?” ecc. Lasciando liberi i ragazzi di pensare creativamente, è lecito aspettarsi anche risposte a volte bizzarre o fuori tema, che possono essere utilizzate in modo creativo dall’insegnante per portare l’attenzione sul perché invece queste siano risposte improbabili.
Quali capacità svilupperà il bimbo che inizia ad approcciarsi fin dalla tenera età alla programmazione ?
La programmazione, come è noto, sviluppa numerose capacità e qualità in chiunque: capacità di problem solving, affinare il pensiero creativo e il pensiero computazionale.
Iniziare in tenera età non può che essere un aiuto e uno stimolo per il bambino. Tutto ciò, però, ha senso solo nel caso in cui il bambino sia veramente interessato a ciò che sta imparando e non costretto con il solo scopo di affinare le capacità del bimbo stesso, ottenendo così un risultato contrario e di probabile rifiuto, anche in futuro.
Data la mia esperienza sul campo, mi sento di poter dire che al di sotto degli 8 anni un bambino non ha molto interesse per la programmazione. Sebbene esistano degli ambienti di sviluppo che insegnano ai bambini piccoli ad imparare a programmare attraverso la narrazione, spesso i bambini di età inferiore agli 8 anni non si lasciano coinvolgere in tale attività. Per i bambini più piccoli ha più effetto quello che viene definito “unplugged coding”, ovvero giochi studiati per avvicinare i bambini alla programmazione, ma che permette loro ancora di utilizzare come strumento principale le loro mani, portando a termine dei progetti con carta, forbici e colla o attraverso lo studio del mondo che li circonda.
Intorno agli 8 anni, i bambini hanno capacità e conoscenze che permettono loro di iniziare a capire cosa sia la programmazione e, attraverso la narrazione, semplici giochi e animazioni, si introducono i concetti base. Lasciare libero il bambino di pensare creativamente, lasciando la possibilità di creare i propri progetti, le capacità si affinano sempre più.
Ciò non toglie che, se un bambino particolarmente interessato dovesse dimostrare il desiderio di avvicinarsi alla programmazione anche in tenera età, sarebbe bene assecondare questo desiderio, sempre sotto forma di gioco.
Link social
Email: info@lianka.it
Sito web: www.lianka.it
Progetti per i ragazzi su Scratch: scratch.mit.edu/users/ToygerCat

Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen