Passa ai contenuti principali

Petizione No voti nelle classi- I bambini non sono un numero.

Petizione no voti in classe, i bambini valgono. No alle categorizzazioni.


Pensi che l'alunno, non sia un numero da inserire nei registri scolastici? Vedi l'apprendimento come un processo dinamico? Dove l'insegnante e l' ambiente, interagiscono per creare un microambiente,  pieno di stimoli, utili allo sviluppo dell'empatia, alla socializzazione e no alla categorizzazioni.
Se la pensi cosi, ti andrebbe di firmare la petizione promossa su change.org?

Questo il testo della petizione, No voti in classe:


La scuola non ha bisogno di voti per incentivare l'apprendimento.

I voti demotivano gli alunni, poiché focalizzano la loro attenzione più sull'obiettivo.

Inoltre, vengono create categorizzazioni e divisioni in base alle votazioni ottenute. 

I bimbi vengono divisi in bravi, meno bravi sia dall'insegnate, sia fra bimbi stessi. Sarebbe più utile, un progetto, che stimoli la creatività e non porti divisioni. 

L'apprendimento é unione, condivisione ed empatia. 

Le soluzioni esistono già, ma sono progetti singoli, non riconosciuti, come modello di apprendimento classico. Alcuni esempi sono reevo, educazione libertaria, oloscuola ma sono bei esempi ma non costituiscono la norma. Mentre dovrebbero esserlo.



Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Lim collegate allo smartphone: Lezioni multimediali

L'uso della lim ha cambiato l'insegnamento, rendendolo più collaborativo ed interattivo. 
Queste lavagne permettono l'approfondimento di tanti argomenti, visionando risorse disponibili sul web.
Le lim si possono collegare sia con il pc che allo smartphone. Oggi, mi piacerebbe legarlo allo smartphone.

Come si possono collegare?
Le lim possono essere collegate tramite appositi dispositivi, come google cast o altri device più economici al proprio smartphone.
Questa sarebbe la soluzione più tranquilla per accedere ai contenuti del proprio smartphone con la Lim.
In questa maniera si possono creare lezioni con le applicazioni installate sul telefonino.

Per chi vuole smanettare, esiste una via più economica ma un po più insidiosa.
Come procedere?
Scaricando l'applicazione teamviewer quicksupport sul proprio smartphone.
Si può scaricare la versione per android da google play store. Ecco il link
Una volta scaricata procediamo con l'installazione e con il collegare i disposit…

Scaricare libri gratuiti da usare nell'apprendimento

L'educazione si basa sulla condivisione e sulla promozione del benessere.  Non possiamo parlare di promozione e di condivisione, senza prendere in considerazione i libri.  I libri fanno parte della formazione e dell'apprendimento e di conseguenza condizionano l'educazione dell'alunno. 

Anche se per un discorso puramente pedagogico, il ruolo dell'educazione spetta alla famiglia.
Spero che le scuole sentano il peso della responsabilità che hanno sulle spalle. Per questo dovrebbero garantire l'apertura delle risorse ai propri studenti e docenti. La scuola dovrebbe accogliere ed aiutare lo sviluppo dei propri alunni e la continua formazione dei propri docenti. Non si può bloccare ed impedire la crescita degli alunni, solo per un impedimento tecnico.
Visto che i libri, vengono usati come strumento per diffondere il sapere, si dovrebbe garantire ai propri studenti l'accesso gratuito. Mentre aspettiamo iniziative a sostegno della diffusione di libri gratuiti per …