Passa ai contenuti principali

Le idee valgono:Non fare gestire le tue idee dalla paura


Le idee valgono non farle gestire dalla paura. 

Questa emozione trasforma le tue idee, siamo assaliti ogni giorno da notizie, che fanno paura. Gli immigrati, la violenza, la disoccupazione.
Notizie legate fra loro da un emozione, sembrano cicliche. La disoccupazione, sembra la madre delle altre, che gestita dalla paura, diventa chiusura ed indifferenza. Ridiamo valore alle persone, trattando, uno dei problemi più grandi: il lavoro.

Il lavoro é un argomento di forte attualità.
L'italia é un paese fondato sul lavoro, ma il livello di disoccupazione é molto alto.
Il problema, sta diventando stagnante e le posizioni europee non sono delle più convincenti. 


"Italiani che si lamentano degli stranieri,
Svizzeri, che si lamentano degli italiani e li vogliono cacciare. I sogni di immigrazione, che si infrangono, i paesi che sono diversi dal reale, non sono terre felici.
Gli inglesi, che scappano dall'europa, una chiusura che tradusa "Paura"."

Il mondo ha paura. Si sente nell'area, le certezze di prima, stanno crollando e la paura esce fuori.


Ora, dopo questo discorso un po malinconio, possiamo accantonare questi toni da copertina, nulla é buono, siamo spacciati e cosi via... Che porta solo tanta amarezza..

Che fare allora?
Ci vogliono idee, che chiamano altre idee.
Falcone in un suo discorso, diceva che :


"gli uomini passano, le idee restano e continuano a camminare sulle gambe di altri uomini”.



Le idee non possono essere gestite dalla paura

L'idea non conosce tempo, cammina, si trasforma e può diventare un progetto, un prodotto, ma se condivisa diventa terreno.
Un terreno fertile, nutriente, dove far nascere altre idee.

Quel terreno siamo noi, costruiamo il nostro futuro. Rendiamo fertile, ciò che non é fertile. Il fertilizzante più potente mai esistito é l'Amore.





Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen