Passa ai contenuti principali

Proposte il lavoro part-time per tutti:Divido il mio stipendio


Il lavoro, uno dei problemi più diffusi, anzi la sua mancanza diventa un problema.

Se non erro, esistevano famosi frasi: "il lavoro nobilita l'uomo", "l'italia é un paese fondato sul lavoro", mi sarò sbagliata, sarà mitologia.

Lasciando stare, la intro un pò scherzosa, la mancanza di lavoro é davvero un grosso problema.
Le soluzioni per uscire dalla crisi, che ormai dura decenni, sono chiudetevi a chiave e non fate entrare lo straniero,che vi ruba il posto di lavoro.
Forse ,essere cosí allarmisti non porta a nulla di buono. Dovremmo trovare soluzioni nuove, di apertura verso il mondo esterno.
Una possibile soluzione, potrebbe essere il lavoro part-time per tutti e la divisione di uno stipendio in due.
Mi spiego meglio, visto che il pensare solo, alla propria situazione economica, non sta portando nulla di buono. Il tasso di disoccupazione é sempre molto alto, allora perché non proporre una divisione di uno stipendio in due?


Come si potrebbe attuare questa proposta?
Lo stipendio full time di una persona, sarebbe divisa con un altra persona, sempre mezionata sul contratto e l'azienda pagherebbe le tasse di uno, per distribuire il lavoro in due. 

Il lavoro verrebbe visto come una casa, dal punto di vista dell'azienda e dei lavoratori.

Quale sarebbero le differenze?
Applicare le regole di tassazione sulla casa, anche sul lavoro.
Le tasse sulla casa, vengono applicate sull'importo prestabilito, in partenza, no sulla quantità di persone che la abitano.
Si potrebbe trovare una soluzione, di divisione dello stipendio in due parte precise. I lavoratori e l'azienda pagherebbero la stessa tassazione sull'importo full time prestabilito.

Esempio 2300 lordi full time 1 contratto:

L'azienda pagherebbe la sua percentuale
I lavoratori la loro percentuale

Con 500 euro di tasse, l'azienda avrebbe due risorse part-time, che guadegnerebbero 840 euro l'una mensilmente.

Quali sono i vantaggi?
Anche se lo stato, entrerebbe della metà della tassazione, guadagnerebbe sempre dal punto di vista occupazionale. Diminuendo il tasso di disoccupazione, mostrando un'italia molto competitiva. Maggiore benessere sociale, con maggiore potere d'acquisto delle famiglie. 

Meglio 800 euro in due famiglie, che 1700 in una. La ridistribuzione della ricchezza inizia dal basso. Fatemi sapere la vostra proposta e se vi piace, potremmo fare una petizione su change.org, che ne dite?


Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen