Passa ai contenuti principali

Seo regole di posizionamento web


Se non ti lasci trovare sei fuori dal mondo digitale.
La tecnologia ha cambiato il modo di percepire il mondo dell’informazione. La comunicazione a portata di click sostituisce quella su carta stampata.
La macchina dell’informazione ha accelerato e massimizzato la sua produzione.  Le notizie, cambiano velocemente, quelle di ieri risultano vecchie e noiose il giorno seguente. Siamo in presenza di una mole di informazione, sempre in crescita, in modo incontrollato. Se non ti lasci trovare velocemente, ti chiudi nel tuo mondo. In questa maniera, non permetti alle persone di conoscere le tue idee e prodotti. Il mondo cambia e se non si riesce a tenere il passo, si rimane esclusi. Il problema di oggi, non é farsi trovare, ma fallo nel più breve tempo possibile. Qui, entrano in nostro aiuto gli esperti seo, che con i loro consigli ci permettono di posizionarci bene sui motori di ricerca. Un buon posizionamento influenza la visibilità, la reputazione online L’informazione viaggia nelle tasche di tutti noi, basta una connessione, un telefono e voilà il gioco é fatto. Lo sviluppo tecnologico muove i desideri delle persone, ma allo stesso tempo gli permette di esprimere le proprie opinioni. Tutti siamo alla ricerca di qualcosa, tutti vogliamo essere apprezzati e valorizzati. Questi bisogni sono insiti all’interno di ogni individuo ed un buon comunicatore lo sa. L’informazione digitale, basa il suo potenziale, sullo studio del comportamento delle persone e sulla raccolta di dati. Gli esperti seo, sono conoscitori delle azioni del mercato e fanno le previsioni con i dati che possiedono. Il lavoro del seo diventa costruttivo, quando crea contenuti di qualità, di facile reperibilità , verifica la veridicità della notizia e raccoglie dati.

Gli esperti seo, sono conoscitori delle regole,che possono influire sul posizionamento dei siti sui motori di ricerca. Le informazioni sole non bastano, bisogna anche posizionarle bene e creare una strategia seo. Mi dispiace dirvelo, ma non esistono trucchi veloci per creare una buona strategia seo. I motori di ricerca, si basano su algoritmi, che prendono in considerazione più di 200 fattori. Esistono accorgimenti che possono aiutarci, ma per considerarci esperti seo bisogna analizzare, studiare e creare un piano marketing.


Ecco qualche piccolo consiglio per migliorare la propria presenza online:


1. Argomenti non duplicati

Il motore di ricerca li segnalerà come contenuti duplicati. Prenderà in maggiore considerazione quelli più anziani, posizionandoli prima.


2.Articoli diversificati e parole chiave pertinenti

Esistono alcune regole seo, che permettono di controllare la pertinenza della vostra pagina di destinazione. Un’ottima soluzione, sarebbe quella di ottimizzare le parole chiave scelte, usando sinonimi delle parole chiave primarie.
Controllare la keywords density della vostra pagina e scegliere argomenti non trattati da altri.


3.Coinvolgere emotivamente gli utenti

Il marketing ha sempre utilizzato la tecnica di legare un prodotto al sentimento delle persone. Fare emozionare risulta una pratica vincente, praticata abitualmente dagli esperti pubblicitari.


4.Articoli né troppo corti, né troppo lunghi

Gli articoli troppo lunghi risultano noiosi, il lettore si stancherà facilmente. Gli articoli troppo corti non rispettano gli standard seo, risultando poco convincenti.


5.Definire e rispettare i vostri obiettivi di marketing

Definire un piano di marketing che rispetti il vostro target scelto. Cercare gli utenti che possano compiere un’azione significativa per il vostro business.


6.Monitorare il traffico del proprio sito, blogger

Creare avvisi personalizzati che possano informarvi su una variazione di traffico.
Le variazioni significative, in breve termine indicano attività anomale. Poco traffico potrebbe far pensare ad una penalizzazione del motore di ricerca. Un aumento improvviso di utenti potrebbe dimostrare un traffico non veritiero, come l’uso di bot e traffico non reale. In entrambi i casi sarebbe bene scoprire le cause, poiché comporterebbe una perdita di reputazione e un danneggiamento di immagine.


7.Analizzare le parole chiave nella ricerca organica

Monitorare ê un’ottima attività di prevenzione, che permette di prevedere le possibili anomalie o problemi futuri.

8.Immagini né troppo grandi né troppo piccole.

Le immagini possono influenzare il posizionamento sui motori di ricerca. I siti carichi di troppe immagini possono subire una penalizzazione. I motivi sono due: rallenta le prestazioni del vostro sito ed inoltre il motore di ricerca vede solo il tag alt associato alla vostra immagine. In poche parole risulterà mezzo cieco.

9.Creare siti responsivi

I siti devono garantire buone prestazioni in tutti i dispositivi. Mentre fino a 10 anno fa, i dispositivi mobile potevano essere sottovalutati e non considerati. Adesso risultano i protagonisti, quindi le pagine web devono essere responsive, cioé adattabili a qualsiasi layout.

Questi sono solo piccoli accorgimenti, nulla di più ma il vero valore lo create voi.

Ecco Il mio ultimo consiglio più spassionato, non focalizzate la vostra attenzione solo sull’essere indicizzati da google Google o pochi altri. Usate tutte le vostre conoscenze per creare un piano marketing dettagliato,valido per qualsiasi motore di ricerca e soprattutto considerate  la creazione di un legame vero con i vostri utenti. Siate audaci, veri, impazienti di sperimentare e soprattutto mettevi nei panni dei vostri utenti. Siamo tutti persone in cerca di accettazione e riconoscimento. Mostriamo nella creazione dei contenuti e del nostro business l’aspetto umano, che ci differenzia da tutto il resto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen