Passa ai contenuti principali

Intervista Andrea Albanese comunicazione smart

Una comunicazione smart, veloce e automatica

La comunicazione si è evoluta con l’avvento di internet diventando smart, veloce e automatica. Il ritmo dell’informazione ha subito una virata, tutto si è velocizzato e le informazioni sono sempre più legate al mondo social. Editori, aziende e liberi professionisti hanno imparato ad usare i social media per rendere visibili i loro prodotti e coinvolgere i propri lettori. Il potere dei social media e delle nuove applicazioni è quello di conoscere bene gli interessi dei propri iscritti e capire come aumentare il loro coinvolgimento.
Gli utenti rimangono sempre connessi perché trovano informazioni attinenti ai propri interessi e allo stesso tempo si sentono parte di un gruppo.
Parliamone meglio con Andrea Albanese  CEO Web Marketing Manager & Social Media Marketing Day #SMMdayIT, Social Media Marketing Manager & Digital Communication Advisor, Project Manager, Community Manager e Docente. Linkedin Specialist.
Quali sono fra le tematiche affrontate quelle che suscitano più interesse ?
Quest’anno uno dei punti cardine sono sicuramente i video, strumento essenziale non solo per la divulgazione valoriale e la promozione di prodotti e/o servizi, ma anche per stimolare l’engagement e intrattenere gli utenti. Le previsioni di Facebook mettono soprattutto i live al centro, e lo vediamo nelle nostre attività quotidiane: i video in diretta ricevono attenzione ed engagement 4 volte superiori rispetto ai video pre-registrati e sono sicuramente un elemento strategico nella comunicazione e nel marketing aziendale. Ovviamente occorre essere presenti e preparati per gestire l’engagement e intervenire tempestivamente in caso di crisi.
Il secondo punto cardine sono le fake news, una vera e propria minaccia non solo per il giornalismo e l’informazione in genere, bensì anche per aziende e istituzioni: immaginatevi il danno che una fake news potrebbe provocare su titoli e aziende quotate in borsa… Spesso sui social e nel digital contro le bufale siamo disarmati, perché si diffondono con una viralità (e con evidente dolo!) straordinaria. Come ci si difende? Lavorando su trasparenza e reputazione in primis, ma anche (e questa è la strategia più importante) creando una community di ambassador e sostenitori forte abbastanza da far quadrato attorno al brand e all’azienda in caso di attacchi e diffusione di bufale. In questo i social sono fondamentali.
Quali sono le conseguenze dell’enorme quantità di informazioni che ogni giorno dobbiamo elaborare?
Dal punto di vista degli utenti c’è un calo di attenzione e una tendenza a navigare con sempre maggiore superficialità, soprattutto perché la navigazione da mobile ha superato ormai quella da desktop, con limitazioni funzionali e contenutistiche. Il ciclo dell’attenzione è sempre più breve, se un contenuto non cattura lo sguardo e fa scattare il click entro un secondo, l’utente è perso. È necessario ripensare i contenuti, piccole pillole, dare priorità ad immagini emozionali e accattivanti. Spesso gli utenti distribuiscono like a caso, senza soffermarsi, solo perché hanno visto un’immagine che ha fatto presa nel mare magnum dei contenuti. Non approfondiamo più. Per questo le bufale fanno così presa: perché vanno ad agire su pregiudizi e spesso utilizzano immagini d’impatto con scritte ‘sensazionalistiche’.
Dal punto di vista delle aziende e delle agenzie, vi è uno stress altissimo per produrre contenuti che, senza investimenti pubblicitari, avranno una vita media molto bassa: il copywriting e la creatività social sono davvero un lavoro faticoso, richiedono creatività, precisione, coerenza, conoscenza del brand e degli utenti.
Come vengono gestiti i problemi inerenti le fake news e la privacy degli utenti nell’era digitale?
Sulle fake news, è un bel problema. Oggi siamo privi di punti di riferimento. Gli utenti si fidano più di ciò che circola sui social network grazie alle actions dei loro contatti rispetto a contenuti diffusi da testate giornalistiche o fonti di informazioni ufficiali, e non cercano di approfondire e appurare la veridicità dei contenuti. Siamo nell’era del ‘l’ho letto su Facebook, quindi deve essere vero’. Vogliamo parlare di dati? Nel luglio 2016 il prestigioso Pew Research Center diffuse un’analisi sulla fruizione delle informazioni da parte degli Statunitensi, le cui statistiche confermano che un sonoro 81% degli Americani intervistati si informava, totalmente o in parte, attraverso i social network. Lo stesso istituto, in una ricerca di poco precedente, parla di un 88% dei Millennials che ‘sa cosa accade nel mondo attraverso Facebook’. E nel resto del mondo? Secondo il Digital News Report pubblicato dal Reuters Institute for the Study of Journalism (Risj) nel giugno 2016, su un campione statisticamente rilevante di 50mila persone di 26 paesi nel mondo, i social network sono una fonte di notizie su base settimanale per oltre il 50% degli intervistati. Con una situazione del genere diventa fondamentale per TUTTE le fonti di informazione, agenzie di stampa, emittenti televisive e radiofoniche, testate giornalistiche, istituzioni e organi ufficiali, imparare ad utilizzare bene i social media, non solo come nuovi canali distributivi ma come mezzi preziosi per coinvolgere gli utenti e educarli all’informazione verificata. Per quel che riguarda la privacy il discorso è ancora più complesso. Quale utente social legge le condizioni di utilizzo e l’informativa sui dati personali? Quale utente social sa che accedendo a Facebook (ad esempio) consegna ad un’azienda privata straniera non solo tutte le informazioni relative a mail, residenza, punti d’accesso, preferenze (sulla base di ogni click viene profilato per l’advertising), ma anche tutto il materiale che vi carica (in primis le fotografie)? Partiamo dal presupposto che ‘privacy’ per i social players ha un significato diverso rispetto a quello che ha, ad esempio, per il nostro Garante. Spesso gli utenti lo percepiscono solo come ‘visibilità’ dei propri contenuti. Mentre il discorso è molto, molto più complesso. A costo di sembrare noioso, anche in questo caso e soprattutto verso gli utenti più giovani la parola chiave è ‘educazione’ e ‘formazione’. Fosse per me, in tutte le scuole primarie e secondarie dovremmo fare dei corsi base di social media, spiegando anche ai ragazzi come difendersi e tutelarsi dai rischi della rete, coinvolgendo i genitori affinché anche loro ne siano consapevoli.
Come i social media influenzano il processo decisionale dei propri utenti?
Bella domanda. I social sono territori complessi, per l’adv. Immaginate che un’azienda promuova un prodotto con investimenti pubblicitari su Facebook (ad esempio) e sotto al post sponsorizzato vi sia una pioggia di critiche e commenti negativi di clienti scontenti: commenti non gestiti né monitorati perché magari l’agenzia che pianifica l’advertising non ha gestione di contenuti o engagement sulle pagine. Come credete che verrà influenzato il potere decisionale degli utenti esposti a quella campagna? Sui social media il P2P - peer to peer o person to person, è fondamentale. Ci fidiamo di più dei commenti e delle parole di altri utenti, magari sconosciuti, attraverso le recensioni sulle pagine fan di ristoranti, hotel, ma anche aziende ecc. nelle conversazioni e nei consigli condivisi in gruppi d’acquisto o gruppi d’interesse, per non parlare del peso specifico che hanno i post sui profili dei nostri contatti diretti. I social media hanno trasformato ciascuno di noi in ‘influencer’ e potenziali ambassador (o denigratori) di brand e prodotti.
Inoltre c’è l’incognita algoritmo, che cambia in continuazione, penalizzando i contenuti delle pagine rispetto ai contenuti degli utenti, che favorisce i contenuti con più interazioni (ergo, saper conversare sui social diventa fondamentale anche e soprattutto per brand e aziende) e privi di link diretti che portino il traffico fuori dalla piattaforma.
E se qualcuno volesse incontrarti di persona come fa?
La cosa più semplice è iscriversi ad un qualsiasi incontro pubblico che facciamo durante l'anno. Qui c'è l'agenda aggiornata degli eventi e meeting open:
Link social
LinkedIn: www.linkedin.com/in/albaneseandrea  
Linkedin Author: https://www.linkedin.com/today/author/albaneseandrea  
Facebook: www.facebook.com/AndreaAlbanese01
Instagram: https://www.instagram.com/albaneseandrea  
Slideshare: www.slideshare.net/AndreaAlbanese  
Twitter: @FlashAndrea        www.twitter.com/FlashAndrea
Youtube: https://www.youtube.com/c/AndreaAlbaneseSocialMediaMarketingDigital  
Messenger: http://m.me/andreaalbanese01
Skype: Flashandrea

Commenti

Post popolari in questo blog

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Twitter nella didattica: creare lezioni con il social network

Twitter nella didattica, la tecnologia ci insegna che possiamo imparare dagli altri.
Un nuovo modo di apprendere, per creare gamificazione in classe con contenuti di altre persone.
Le attività che si possono sottoporre ai propri studenti sono tante.

La prima che mi viene da suggerire, é la creazione di un tema, selezionando i tweet.

Tema tweet Potrebbe essere un'interessante attività ludica. L'insegnante potrebbe scegliere il tema e proporre agli studenti di comporre un puzzle con quella tematica. I ragazzi dovranno sviluppare l'argomento, non si limiteranno ad inserire i tweet. Gli studenti usando tweet di altre persone, creeranno dei nuovi contenuti.

I tweet serviranno per stimolare negli alunni, la voglia di scoprire e di creare. Rendendoli consapevoli che esistono diversi punti di vista.

Temi creati da ragazzi, che usando la tecnologia possono creare un nuovo contenuto,  dato dall'interazione del vecchio con l'aggiunta del sentire dei ragazzi.
Una didattica aff…

Eduopen network universitario usa gli openbadges

Eduopen, network universitario usa gli openbadges.
Il progetto eduopen, diffonde i concetti di cultura aperta e dell'apprendimento lifelong learning.
La piattaforma eduopen mette a disposizione corsi per tutti.
I corsi disponibili, all'interno della piattaforma sono sotto licenze creative commons, quindi possono essere ridistribuiti. Anche, se vi consiglio di chiedere il permesso, a chi crea il corso, sono pur sempre corsi universitari.

Ogni utente può visionare corsi, partecipare alle attività e ricevere i certificati, oltre l'openbadges.
Una volta scelto il corso, l'utente potrà visionare i video, partecipare alle attività proposte dal docente. Gli utenti registrati, che non sono iscritti a nessuna facoltà, riceveranno a fine corso, l'attestato di partecipazione, oltre l'openbadges.

Gli studenti universitari, possono ricevere  anche Crediti Formativi Universitari, a fine corso.

Eduopen