Passa ai contenuti principali

Youtube cercare risorse e lezioni sotto licenze creative commons

Youtube permette di creare e cercare lezioni sotto licenza creative commons o aperte.

Youtube, la piattaforma di video sharing più nota, mette a disposizione degli insegnanti, utenti, materiale sotto licenza aperta. Queste risorse sono disponibili sia sulla piattaforma, ma possono essere condivise, embeddate, su altri siti, blog o social. Questo é l'aspetto più bello dell'open cultura, l'educazione e la conoscenza non si fermano, vanno oltre i muri della classe, creando valore nei diversi contesti. Una cultura, che va oltre gli interessi, che dà possibilità alle persone di apprendere e di condividere, a loro volta, quello che hanno imparato. Le licenze creative commons, gnu, public domain, gutenberg, mit, insomma tutte le licenze aperte racchiudono la convinzione, che la conoscenza non é un bene di pochi e che esiste un diritto, allo studio anche fuori dalle aule.

La conoscenza non si può bloccare cammina nelle menti delle persone.


Perché usare le licenze aperte?
Perché danno una possibilità a tutti, agli insegnanti di usare risorse di altri. Immaginatevi, di essere stati poco bene e l'indomani dover andare a scuola, non potete finire la lezione, ma fortunatamente potete rivolgersi alle risorse di altri colleghi, che hanno trattato l'argomento.

 Usare le licenze aperte significa aiutare gli altri, non dimentichiamoci, una cosa importante di alimentare il sistema aperto, condividendo e creando materiale aperto. Cosi si creerà un sapere di tutti.


Ora immaginatevi, di essere una start up, un ambiente giovane, tante idee, buone risorse tecniche ma poche finanziare. Le licenze aperte potranno aiutare le start-up all'inizio, che a loro volta saranno grati al sistema aperto e probabilmente creeranno risorse gratuite disponibili a tutti.

Oppure di essere degli studenti, che devono realizzare un progetto. Hanno trovato una risorsa, ma non possono integrarla nel loro progetto, perché altrimenti dovrebbero pagare la licenza. Ragazzi di 13 anni, che non possono permettersi di sostenere quella spesa, ma possono optare di scegliere un'altra risorsa sotto licenza aperta.


Ora immaginatevi, se le licenze aperte non esisteressero?
L'insegnante, non avrebbe la lezione per il giorno seguente, la start up dovrebbe optare per scelte differenti e i ragazzi non avrebbero il materiale, per realizzare il progetto..

Questo scenario, a me proprio non piace e non penso solo a me..

Come cercare le risorse aperte su youtube?

Scrivete le parole da ricercare e poi le filtrate, in base alla licenza creative commons.
Filtro > Caratteristiche > Creative commons

Io ho creato l'openbadges risorse matematiche creative commons:
Racchiude una piccola descrizione e poi il link delle risorse aperte, che trattano di matematica. Spero che vi piaccia e speriamo che il link rimanga invariato nel tempo.

Questo openbadges, potrebbe servire, per inoltrare le risorse ai colleghi, agli studenti oppure per creare una collezione di risorse aperte, condivisibili sul backpack di mozilla.






Commenti

Post popolari in questo blog

Office 365 educational: Gratuito per docenti e studenti

Office 365, il software creato da microsoft, mette a disposizione delle scuole una versione gratuita.

L'iniziativa proposta da microsoft,prende in considerazione, le esigenze delle strutture scolastiche, che necessitano sempre di più di strumenti ludici per educare.

Gli istituti ed il personale docente possono richiedere, il software Office 365 educational gratuitamente.
Per effettuare la richiesta, basta inserire l'indirizzo mail dell'istituto dove si sta lavorando. L'indirizzo dovrà contenere l'url della scuola, non si possono usare account personali. Infatti, esistono alcuni requisiti da rispettare. La mail servirà per verificare, se l'insegnante lavora effettivamente nella scuola designata.

Il personale didattico può aderire, inserendo la mail dell'istituto nel format.
La richiesta verrà presa in carico e valutata entro qualche giorno o settimana.

Se la richiesta del docente venisse accettata. Il docente potrà usufruire, gratuitamente di office 365 edu…

Pedagogia come scienza: La pagina facebook di passione pedagogica

Una raccolta di risorse pedagogiche sulla pagina di passione pedagogica.
Chi ama la pedagogia, come scienza e cerca sempre nuovi spunti didattici, su come creare nuove attività pedagogiche, troverà la pagina di passione pedagogia entusiasmante.
Una pagina che raccoglie risorse, materiali visivi e multimediali, che trattano di pedagogia.
Una pedagogia intesa come scienza, che stimola il bambino sensorialmente.
L'apprendimento diventa dinamico, interattivo, colorato e sensoriale. Il gioco entra a far parte del processo formativo. I bambini apprendono giocando, senza perdere contatto con la loro natura innata. La stimolazione sensoriale permette al bambino, di crearsi un suo archivio emozionale. Che gli donerà una base sicura, utile nei momenti difficili, anche in età adulta. Le attività proposte dalla pagina, stimolano sia le soft skill e la percezione del bambino. Le bottiglie della calma, aiutano il bambino nei momenti di difficoltà. Mentre le attività per associazioni, introduco…

Learning apps: Crea la tua applicazione per i tuoi alunni

Learning apps, applicazione utile nel creare giochi interattivi e didattici per i propri studenti, la propria classe oppure per divertimento.

Facile ed intuitiva. Si possono trovare numerose applicazioni, divise per categorie. Se non trovate l'app desiderata, potete crearne una tutta vostra.

L'uso dell'applicazione learning apps, non richiede grandi capacità tecniche. L'applicazione é molto intuitiva e si usa facilmente.
Per creare un'applicazione, basta cliccare sul tasto crea app. Si aprirà una finestra, dove sono collocati diversi tamplate da usare. Si possono scegliere diverse tipologie di template, per creare giochi interattivi da usare in classe.
Questo é un esempio di gioco di memory card.

Vi consiglio la visione del video di App for prof. Nel video é possibile visionare tutte le funzionalità dell'applicativo. Potete trovare il video sul canale youtube del prof Luca Raina. Buon learning apps a tutti...